Questo è un mio modesto incentivo per votare sì al referendum sulle trivellazioni. Trovo vergognoso che un Presidente del Consiglio (non eletto, tra l’altro, e in extremis appoggiato dall’Emerito Napolitano) inciti i cittadini all’astensione: in parole povere: consigli, o addirittura  imponga di non andare a votare al Referendum abrogativo, in modo da non raggiungere il quorum (il che equivale a un no mascherato).

Evidentemente ci sono, da parte del governo, interessi economici pressanti e indilazionabili. Il cittadino ha diritto di esprimere il suo voto, qualsiasi esso sia. I Referendum danno voce al popolo: ricordiamoci una volta per tutte dell’importanza che ebbe il referendum sul divorzio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

I genitori di mio figlio

prev
Articolo Successivo

Sulla ciarlataneria

next