A luglio gli aveva regalato un crocifisso a forma di falce e martello. Ma questa volta il presidente della Bolivia Evo Morales, arrivato in Vaticano, ha regalato a Papa Francesco tre libri sulla coca. I titoli: “Coca, una bio-banca“, “Coca, dieta citogenica“, “Coca, fattore anti-obesità“. Bergoglio li ha presi e ha ringraziato. Poi Morales, parlando della bevanda tradizionale fatta con le foglie di coca (mate de coca) ha detto: “Io la prendo e mi fa molto bene. Gliela raccomando. Così ce la fa per tutta la vita”.

I tre volumi sono stati dati al pontefice dopo la consegna di altri doni. Il primo, contenuto in una grande scatola rivestita con disegni e colori di impronta indigena, era un busto in legno di Tupac Katari, leader indigeno (1750-1781), capo aymara di una delle più significative rivolte indigene contro le autorità coloniali nell’Alto Perù, l’attuale Bolivia, che fu torturato e ucciso per squartamento. Quindi Morales ha dato al Papa una cartella con dentro dei documenti, tirandone fuori uno in particolare: “Qui c’è una letterina che le mandano i Movimenti Popolari“, ha detto, con riferimento al loro incontro mondiale dove il Papa intervenne nel luglio dell’anno scorso proprio in Bolivia, a Santa Cruz de la Sierra.

E infine, prima di consegnare i libri ha detto: “Adesso il tema della coca”. Una coltivazione che è diffusa in Bolivia come in tanti altri paesi sudamericani. Le foglie di coca vengono comunemente utilizzate a scopo medicinale, contro il mal di montagna, come energizzante e per ridurre il senso di fame. Bergoglio ha ricambiato ai regali col medaglione di San Martino che cede il suo mantello al povero, l’esortazione Amoris Laetitia e il suo Il nome di Dio è misericordia. Molto affettuoso il saluto con cui il Papa e Morales si sono salutati al termine dell’udienza.

Il crocifisso a forma di falce e martello fece molto discutere anche se si trattava della riproduzione di un oggetto disegnato dal padre gesuita Luis Espinal, difensore in Bolivia di operai e minatori, ucciso dai paramilitari del regime di Luis Garcia Meza il 22 marzo 1980, due giorni prima di monsignor Oscar Romero in Salvador, la cui causa di beatificazione è stata sbloccata proprio da Francesco.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trento, 770 euro di multa al verduraio. Aveva scritto “fagiolini siciliani”, senza mettere “Italia”. La Lega: “Pazzesco”

prev
Articolo Successivo

Giuseppe Gulotta, una vita in carcere da innocente. C’è il risarcimento: “Ma non ho visto crescere mio figlio” (Podcast)

next