Nel 2012 Salvatore Iaconesi scopre di avere un tumore al cervello e insieme alla moglie Oriana Persico decide di diffondere in rete la sua cartella clinica, lanciando ‘La Cura‘ oggi diventato un libro (edito da Codice edizioni). Salvatore ha 42 anni è ingegnere e hacker, Oriana esperta di inclusione digitale di anni ne ha 36 vivono a Roma ma si apprestano a girare l’Italia per diffondere il loro ‘modo” con cui hanno affrontato la grave malattia. Salvatore è stato operato al Neuromed di Pozzilli in Molise, una delle scelte più difficili prese anche e in virtù dello strumento ‘La Cura’ attraverso il quale sono entrati in contatto con una miriade di persone: artisti, musicisti, poeti, ingegneri, prevedibili truffatori e tanti medici, fra i più sensibili all’iniziativa. ‘La Cura’ è il primo esperimento di “open source” applicato alla medicina. L’oncologo Umberto Veronesi ha scritto della scelta di Salvatore: “Il gesto di dare alla sua diagnosi la massima visibilità possibile – secondo l’ex ministro – è una forma di lotta ai tabù che circondano questa malattia” riprese e montaggio di Samuele Orini

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Che cos’è un Manrico, l’amicizia coi tempi della disabilità. “Siamo fatti della stessa materia”

next
Articolo Successivo

Guinness dei primati: 1200 lavoratori battono il record del domino umano con materasso

next