Litigio in piena notte per Fedez, che viene trasportato in ospedale a Milano dopo una lite col vicino di casa, di 41 anni. Sembra che la situazione abbia iniziato a scaldarsi a causa della musica troppo ad alto volume che proveniva dall’appartamento del rapper. Il dirimpettaio avrebbe bussato alla porta del cantante, nel cui appartamento era in corso una festa, verso le 6 di questa mattina: “La musica mi sta disturbando”. Nel giro di poco, però, la discussione sarebbe sfociata in una vera e propria rissa.

Stando alle prime informazioni, la rissa avrebbe causato un trauma alla mandibola di Fedez, al quale è stata data una prognosi di 15 giorni. Il vicino avrebbe subito invece un trauma facciale con conseguente prognosi pari a 10 giorni. Ancora da chiarire chi dei due avrebbe sferrato il primo colpo.

Entrambe le parti decideranno di sporgere denuncia – secondo quanto riporta l’Ansa – ma al momento non risultano atti ufficiali. Fedez è stato trasportato all’ospedale San Paolo per medicare il trauma alla mandibola, mentre il vicino di casa al San Carlo. A seguito delle medicazioni entrambi sono stati dimessi e le loro condizioni non sono gravi.

Questo un post apparso stamane su uno dei profili Instagram di Fedez, seppur non quello ufficiale.

Fede che va in ospedale perché @dennylahome gli ha dato un pugno nell’occhio-Fede

Una foto pubblicata da Official Fan Page Fedez (@_thereal_fedez_) in data:

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Ieri mi hanno uccisa”: difende il diritto delle donne a viaggiare da sole e il suo post fa il giro del mondo

next
Articolo Successivo

Madeleine Holden: di giorno fa l’avvocato, di sera diventa un giudice particolare. E il suo blog è un successo in Usa

next