Procedura di registrazione unica su scala europea e armonizzazione delle procedure per i richiedenti asilo. Mittente: Italia e Germania. Destinatario: Commissione Ue. Che nelle scorse ore ha ricevuto la lettera firmata dal ministro dell’Interno Angelino Alfano e dal suo omologo tedesco Thomas de Maiziere: i due hanno chiesto all’Unione europea l’uniformazione delle procedure di accoglienza. A riferirlo è la Sueddeutsche Zeitung. Secondo i due ministri, il meccanismo di registrazione Ue – che dovrebbe includere controlli di sicurezza – andrebbe allestito con l’aiuto dell’agenzia Frontex. Inoltre l’Ufficio europeo di sostegno per l’asilo (Easo) dovrebbe ottenere più staff e finanziamenti in modo da poter diventare una “vera agenzia europea per l’asilo”.

Nella missiva, indirizzata al vice presidente della Commissione Frans Timmermans e al Commissario Ue per le Migrazioni Dimitris Avramopoulos, Alfano e de Maiziere hanno invitato a compiere una “ambiziosa riforma delle regole di Dublino“, che prevedono che i migranti debbano chiedere asilo nel primo Paese Ue in cui entrano, creando quello che definiscono un “sistema di asilo comune europeo riadattato”. I due hanno suggerito di identificare i migranti che hanno bisogno di protezione internazionale nei loro Paesi di origine o nei Paesi di transito prima di portarli in Europa (che è l’approccio attualmente usato nella cooperazione con la Turchia) e hanno affermato che lo scopo sia quello di creare un “sistema istituzionalizzato di ricollocamento in Ue”. Secondo Alfano e De Maiziere, inoltre, è necessario che i rifugiati vengano ripartiti sul territorio dell’Unione europea tramite il sistema di quote annuali e bisogna redigere una lista Ue di ‘Paesi sicuri’ di origine e attivare un “robusto e coordinato meccanismo di rimpatrio europeo” per rimandare indietro i cosiddetti ‘migranti economici‘.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spagna, “bocciatura storica” per Sanchez dal Congresso. Paese nel caos politico

prev
Articolo Successivo

Grecia, nasce My Human Bank: “Ci impegniamo a far uscire il Paese dalle sabbie mobili in cui è finito”

next