Mentre il computo delle vittime sale a quattordici, continua senza sosta il lavoro dei soccorritori tra le macerie degli edifici crollati nella contea di Tainan, nel sud di Taiwan, colpita da un potente terremoto di magnitudo 6.4 che ha fatto più di 400 feriti.

Secondo quanto ha riferito il Central Emergency Operation Center, altri due corpi sono stati estratti da un complesso residenziale di 17 piani completamente crollato che ospitava circa 250 persone di 96 famiglie

Secondo un funzionario dei soccorsi, cinque persone hanno perso la vita sotto l’edificio che si trova nella città di Yongkang, mentre una donna è morta sotto un cisterna d’acqua e un uomo di 40 anni ha perso la vita schiacciato da un mobile che gli è piombato addosso.

In totale 16 edifici sono crollati o parzialmente danneggiati: tra le macerie di uno di essi è stata salvata una donna rimasta intrappolata per oltre 10 ore, mentre continua la ricerca di otto dispersi.

Il servizio ferroviario ad alta velocità è stato sospeso nella regione meridionale. Interrotto anche il concerto di Madonna, che è in tour con la sua band a Taiwan. “Siamo tutti ok”, ha scritto il suo manager Guy Oseary su Instagram da Taipei. 

Il presidente Ma Ying-jeou, giunto nella città, ha promesso “ogni sforzo” per cercare di salvare vite umane. Anche il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha offerto aiuti per le operazioni di salvataggio e di soccorso.

Nel settembre 1999, Taiwan è stata colpita da un terremoto di magnitudo 7,3, che ha provocato più di 2.400 morti

L’epicentro è stato sulla terraferma dell’isola a 22 km a nord-est della città meridionale di Pingtung. Lo ha rilevato l’istituto geosismico statunitense Usgs. Il centro per gli allarmi tsunami delle Hawaii afferma che non c’è pericolo di tsunami.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Regeni, il senso di Renzi per Abd Al Sisi: chiama “grande statista” il ‘Pinochet delle Piramidi’ che reprime dissenso nel sangue

prev
Articolo Successivo

Iraq, la lotta per il possesso delle dighe e la siccità

next