Svacco e Netflix” in italiano sembrerebbe un’espressione innocente. Ma se usate il corrispettivo inglese “Chill & Netflix” state parlando di una serata in casa a base di sesso. Il termine si è talmente diffuso nello slang della Rete da seminare centinaia di meme nei sette mari dei social. E ora c’è chi sta cavalcando il business delle serate a base di “Narcos” e approcci bollenti, offrendo una camera d’albergo dedicata, con tanto di proiettore ad alta definizione e account Netflix. E non solo quello.

Alla voce “Chill & Netflix” l’Urban Dictionary parla chiaro: “Espressione in codice per due persone che si incontrano a casa e fanno sesso o praticano atti sessuali”. I giornalisti del “Guardian” hanno scavato in internet, scoprendo che l’origine di questo modo di dire risale al 2012, quando ancora significava passare una serata abbracciati sul divano guardando le proprie serie preferite. Ma si sa, il passo dal romanticismo all’hardcore è un attimo, e neanche un anno dopo i tweet a base di “Chill & Netflix” ammiccavano a nottate a base di divertimenti erotici.

Perché, dunque, non fare un brand di questo codice già così ben radicato nella cultura pop? Ci ha pensato un collettivo, offrendo agli amanti delle serie televisive più benefits un’intera stanza sul portale Airbnb. Il meme ha preso letteralmente vita in un appartamento del West Village, a New York City. Un’intera camera da letto a tema “Chill & Netflix”, con un copriletto dove campeggia il logo del celebre servizio di streaming, un mini-bar pieno di cibarie e alcolici, un proiettore HD con un account AppleTV e Netflix, e persino un doppio telecomando. Tutto alla modica cifra di 400 dollari, e senza neanche una fornitura extra di preservativi. Un affare, insomma.

Le menti che stanno dietro a questa idea fanno parte a vario titolo di Art404, una società di arte di New York. Si tratta di Tom Galle, un trentunenne che lavora nel campo della pubblicità, Moises Sanabria, un artista di 25 anni, e Alyssa Davis. “Molto del nostro lavoro ruota attorno cultura di Internet e la cultura popolare – ha raccontato Tom Galle su “Mashable” – Abbiamo apprezzato molto l’idea di portare un meme nella vita concreta offrendola come una vera e propria esperienza”.

Quello che sappiamo è che la stanza è prenotabile soltanto di sabato, e a patto che si guardi qualcosa. Quindi scordatevi di arrivare subito al sodo. E se vi venisse la brillante idea di chiamare una terza presenza per godere dei benefici della visione di Netflix, i gestori fanno già sapere: “Non possiamo permettere di avere ospiti in più nell’appartamento”. La stanza per San Valentino è stata già prenotata, com’era lecito aspettarsi, ma i proprietari lasceranno la lista delle prenotazioni aperta per i prossimi due mesi. Ora sapete come spendere la tredicesima per rendere più avvincente la nuova stagione di “House of Cards”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maria, la 28enne russa che ‘insegna’ tutti i segreti dell’orgasmo della testa

prev
Articolo Successivo

Wattpad, i romanzi erotici li scrivono (e li leggono) i minorenni: tra strafalcioni e smania di sesso, dal web alle librerie

next