di Carblogger

Uber lascia a terra le guerre con tassisti (come a Parigi) e istituzioni di mezzo mondo e prende l’elicottero. L’H125 e il 130 prodotti da Airbus, per offrire un servizio completo a chi può permetterselo. Uberchopper sembra un film: il manager o il vip di corsa, l’autista di Uber che lo va a prendere in auto e lo porta all’eliporto o sul tetto di un grattacielo, dove l’elicottero di Uber-Airbus gli eviterà traffico e seccature, garantendo pure un figurone se poi ci fosse di mezzo una storiella alla Pretty woman.

app 675

La notizia dell’intesa Uber-Airbus è stata anticipata dal Wall Street Journal. Non è una cosa originale, da tempo funzionano  servizi turistici per il cielo come a New York o elicotteri privati delle aziende per i propri vertici, lo stesso Uber ha fatto sperimentazioni nel 2013. Ma è interessante come il new business salti sul vecchio business con disinvoltura. E non è stato un dirigente di Amazon ad aver detto che i loro droni assomiglieranno più ai cavalli che alle auto?

Uber at large, dall’elicottero fino a Uber X (Pop in Europa, vietato qua e là), il gradino più economico dove l’autista è un privato cittadino che si trasforma in tassista con uno smartphone e una macchina propria. Ne ho appena provato uno in America di Uber X (chissà se varrà la stessa app anche per l’elicottero). Da Detroit ad Auburn Hills, 25 dollari per quasi un’ora di tragitto in mezzo alla neve. Un affarone, meglio delle pale inservibili con tutto quel ghiaccio. E per autista di Uber X, una simpatica giamaicana del Wyoming, trasferitasi nel Michigan, “qui ci vivo meglio”. Ma quanto sarà brutto sto’ Wyoming?

@carblogger_it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nissan e Toyota, chi è più ‘intelligente’?

prev
Articolo Successivo

Self-driving cars, la California invia messaggi dal futuro

next