di Carblogger

Nissan Autonomous Drive 2

Torno da un lungo viaggio negli Stati Uniti. Ho passato anche qualche giorno a Palo Alto. Nella cittadina, cuore della Silicon Valley, è in atto una sfida niente male. La giocano Nissan e Toyota (qui quello che avevo scritto a novembre). Entrambe hanno aperto da qualche giorno dei centri di ricerca e sviluppo dedicati all’intelligenza artificiale. L’obiettivo è arrivare all’auto-robot prima degli altri.

Per farlo hanno deciso di “arruolare” tecnici militari o comunque di agenzie governative. Ha iniziato Nissan che nel 2013 ha strappato alla Nasa Maarten Sierhius dove si occupa di intelligenza artificiale legata alle spedizioni spaziali, tecnico che secondo la rivista Fast Company è tra le 100 persone più creative al mondo.

Toyota non è stata a guardare e ha messo tutto nelle mani di Gill Pratt, ex Darpa, l’agenzia militare per la difesa. Il Pentagono tanto per capirci. A lui Akio Toyoda ha affidato un portafoglio niente male: 1 miliardo di dollari per i primi 5 anni di attività, ai quali si aggiungono 50 milioni di finanziamento destinati ai centri di ricerca della stessa Università di Stanford (Palo Alto) e del Mit, Massachusetts Institute of Technology.

L’approccio dei due è completamente differente: Sierhius è un tipo estroverso e dall’entusiasmo contagioso e sposa in pieno il progetto del big manager Carlos Ghosn, ovvero arrivare a lanciare nei prossimi quattro anni più di 10 veicoli (Infiniti e Renault comprese) a guida autonoma “in grado di viaggiare da soli anche negli incroci più trafficati delle città”. Con una eccezione: “Lei viene da Roma e mi dispiace deluderla ma lì ci vorrà del tempo in più”.

Pratt sembra più pragmatico e spiega che “per raggiungere la completa affidabilità, la tecnologia deve essere testata per trilioni di km mentre oggi siamo ancora all’ordine delle migliaia”. Come dire: andiamoci piano prima di affidare tutto all’auto. Anche se “grazie alle informazioni che possiamo raccogliere dai milioni di veicoli Toyota sparsi per il mondo, sarà più facile raggiungere l’obiettivo”.

Chi vincerà? Vedremo. Nel frattempo si divideranno (insieme ad altri) i 4 miliardi di dollari che il presidente Obama ha messo sul piatto per accelerare lo sviluppo e la produzione della guida autonoma. Puntando proprio su gente come Sierhius e Pratt.

@carblogger_it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto o smartphone? Nel 2020 sarà l’intelligenza artificiale al comando

next
Articolo Successivo

Uber dice no alla guerra e prende l’elicottero

next