David Mundell, ministro per i Rapporti con la Scozia del governo Cameron, ha deciso di fare coming out. “Anno nuovo, nuovo inizio” è il titolo della dichiarazione che Mundell ha pubblicato sul suo sito personale per dire apertamente di essere gay. “Ho già stabilito le mie priorità politiche per l’anno, adesso sto stabilendo quelle personali” ha spiegato il ministro prima di annunciare quella che definisce “una delle decisioni più importanti” della sua vita. Deputato scozzese, 53 anni, avvocato, padre di tre figli e in passato sposato con una donna, Mundell ha spiegato di aver “capito che l’unico modo per essere felice a livello personale è quello di riconoscere in pubblico come in privato chi sono” aggiungendo di sperare che il coming out non cambierà nulla negli atteggiamenti e nel modo di trattarlo delle persone, soprattutto in rapporto alla sua attività politica e al ruolo di ministro assunto a maggio. “Il genere e la sessualità – continua – non devono fare alcuna differenza, che si lavori nel governo o si percorrano altre strade della vita”.

Per il Partito Conservatore non è una novità quella di un ministro omosessuale. Quello che ha stupito però è che a rendere noto il suo orientamento sessuale sia un rappresentante dell’ala più a destra del partito. Nella sua dichiarazione Mundell ha espresso profonda “ammirazione” per coloro che, “giovani o anziani”, sono usciti allo scoperto prima di lui. “Non so quale sarà la reazione, ma so che è la cosa giusta per me “, ha confessato. Immediata è stata la solidarietà del mondo politico inglese: a partire dal primo ministro David Cameron che attraverso un portavoce ha fatto sapere di essere “molto soddisfatto” dalla dichiarazione “così personale” di Mundell, che ha definito “incoraggiante”. Su Twitter Ruth Davidson, leader dei Conservatori scozzesi e apertamente lesbica, ha scritto di essere “molto orgogliosa del mio amico David. So che non ha fatto le dichiarazioni di oggi alla leggera e ha il mio pieno sostegno, così come il supporto della più ampia famiglia conservatrice scozzese”. Al tweet della Davidson è seguito quello del primo ministro scozzese Nicola Sturgeon che ha commentato: “Buon per te David. Ben fatto e i migliori auguri”. “Avere persone di alto profilo in tutte le aree della società, dalla politica allo sport è fondamentale per la creazione di ambienti inclusivi e contribuisce a garantire l’equo trattamento di lesbiche, gay, bisessuali e trans sul posto di lavoro, a casa e nella loro comunità” ha dichiarato Colin Macfarlane, direttore dell’organizzazione britannica per i diritti gay Stonewall Scotland, auspicando che il comportamento di Mundell sia esempio e ispirazione per molti giovani gay.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Volontariato, una risposta a chi pratica il ‘cattivismo gratuito’

next
Articolo Successivo

Twitter, in Arizona diventa una gogna mediatica per genitori che non pagano gli alimenti

next