Un gruppo di uomini armati ha attaccato un autobus di turisti nei pressi dell’hotel Barcelo Cairo Pyramids, a Giza, a sud ovest del Cairo, situato sulla strada che porta alle Piramidi. Secondo la testimonianza di un palestinese che era a bordo quando il bus si è fermato vicino all’albergo, noto anche con il nome di Tre Piramidi, la banda, composta da 16 uomini armati, ha iniziato a lanciare molotov e a sparare sia contro il mezzo che contro alcune auto parcheggiate nel vialetto d’ingresso. Stando a quanto riferito da fonti della sicurezza egiziane, citate da Youm7, non ci sono state vittime né feriti. Gli agenti intervenuti subito dopo l’attacco hanno fermato un uomo che ha aperto il fuoco al momento dell’arrivo delle forze dell’ordine e arrestato uno degli assalitori, mentre sono in corso verifiche per identificare gli altri.

Il gestore dell’hotel, Sherif Mohamed, ha raccontato che un gruppo di ragazzi è arrivato di corsa da una via vicino all’albergo e ha cercato di “creare disturbo“. Secondo l’albergatore non si tratta di un atto terroristico ma di vandalismo. Gli spari hanno causato danni anche alle finestre e all’ingresso della struttura. L’hotel, a quattro stelle, si trova in una zona che nell’ultimo periodo ha registrato un forte calo di turisti per dovuto all’instabilità del Paese.

Il ministero dell’Interno egiziano ha poi dichiarato che contro il bus turistico nella zona delle piramidi al Cairo sono stati sparati “proiettili di gomma“: l’obiettivo dell’attacco erano le forze di sicurezza e non i turisti, ha precisato il ministero, ricostruendo l’accaduto in un comunicato. Il gruppo passando davanti all’albergo ha lanciato “petardi verso i servizi di sicurezza incaricati di montare la guardia” poi intervenuti per disperderli. “Una di queste persone” ha “esploso proiettili di gomma” infrangendo vetri della struttura “come anche quelli di un bus turistico che si trovava per caso davanti all’hotel”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libia, camion bomba al centro di addestramento della polizia. “Almeno 65 morti e 127 feriti”. Aamaq: “Attacco Isis”

next
Articolo Successivo

Parigi, spari davanti a commissariato: un uomo ucciso. “Marocchino di 20 anni. Addosso disegno con bandiera Isis”

next