Amazon e eBay mettono in vendita “pagnottelle” di cacca di mucca. Il tradizionale ed ecologico combustibile, composto da letame secco e compresso, è venduto in India da alcuni mesi e usato nelle campagne per accendere il fuoco e cucinare i pasti. Ma non solo: secondo quanto riportato dai media indiani il prodotto ha avuto un grande successo anche tra la popolazione urbana, soprattutto tra coloro che provengono dalla civiltà contadina e sono nostalgici delle vecchie tradizioni.

Le “pagnottelle” sono usate anche dai fedeli induisti in occasione di celebrazioni religiose come la Diwali, una delle più importanti feste indiane chiamata anche “festa delle luci” per l’usanza di accendere candele e lampade tradizionali durante la celebrazione. Su Amazon un pacchetto di “cow dung cake” pura al 100% con 11 pezzi da 200 grammi ciascuno viene venduto a 99 rupie (circa 1,3 euro).

Nei villaggi, soprattutto nel nord dell’India, è una pratica abituale raccogliere per strada gli escrementi di mucche e bufali per poi farli essiccare sulle pareti delle capanne. Un lavoro riservato di solito alle donne che si occupano del focolare domestico. Nelle metropoli come New Delhi e Mumbai però, la scomparsa dei bovini che un tempo pascolavano per le strada, ha reso difficile reperire le “pagnottele” che per questo motivo stanno avendo enorme successo nella vendita online.

Gli escremementi non sono l’unica parte richiesta dell’animale: per milioni di indisti infatti la vacca rappresenta una bestia sacra e le sue parti sono utilizzate in rituali di purificazione oltre che nella medicina. In particolare, l’urina è considerata un disinfettante molto potente e costituisce la base di molti prodotti in commercio nei negozi, e di recente anche on-line, come saponette, creme per la pelle e shampoo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, la grande abbuffata di Expo: in due anni 900 nuovi ristoranti. “Puntare su innovazione e cibo etico”

prev
Articolo Successivo

Lemmy Kilmister morto: il fondatore dei Motörhead scomparso a Los Angeles. Aveva 70 anni

next