Gli Eagles of Death Metal tornano a suonare dal vivo a Parigi, a meno di un mese dal massacro del Bataclan dove morirono novanta ragazzi accorsi ad ascoltarli dal vivo. Accadrà il 6 e 7 dicembre sera all’AccorHotels Arena (meglio conosciuto come Bercy), locale parigino nel 12esimo arrondissement. La band, ancora sotto choc, si esibirà nel corso del doppio concerto “di recupero” degli U2. Anche Bono e The Edge erano nella Ville Lumière quel venerdì 13 novembre: avrebbero dovuto esibirsi di lì a poche ore, salvo poi rimandare per i motivi che tutti noi conosciamo.

Lo show messo in piedi dagli U2 si intitola “Our best for Paris” e sarà un tributo alle vittime degli attentati del 13 novembre. Gli Eagles of Death Metal suoneranno in coda al concerto. Tra gli altri ospiti dell’happening, spicca la sacerdotessa del rock Patti Smith. E chissà che non faccia capolino anche il leader dei Radiohead Thom Yorke, in questi giorni a Parigi.

Il 13 novembre al Bataclan (epico teatro dal sapore orientale aperto 150 anni fa) stavano suonando gli Eagles of Death Metal, band garage e post-stoner dal sound allegro e brioso a dispetto del nome. Erano a metà performance quando i “miliziani” del Daesh hanno silenziato, col suono dei loro kalashnikov, al grido di “Allah è grande”, il live-set degli “EODM”. La stessa band ha rischiato la vita quella sera.

Ma Josh Homme e Jesse Hughes, intervistati da Vice America, sono stati chiari nelle loro intenzioni: “Torneremo a suonare al Bataclan. Lo dobbiamo ai nostri fan, alle loro famiglie e al sangue giovane versato. Dobbiamo concludere il nostro concerto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

GIF animate, a volte ritornano. Il formato nato nel 1987 invade i social. Con John Travolta re del “non-sense”

next
Articolo Successivo

Parigi, gli Eagles of Death Metal non saranno sul palco con gli U2. Bono Vox: “Altro ospite a sorpresa”

next