C’è anche quello di Benito Benedini, presidente della Fondazione che controlla la Fiera di Milano, tra i circa 27mila nomi emersi nelle carte delle indagini della Guardia di Finanza e della Procura di Forlì sul denaro esportato a San Marino. A scrivere i dettagli dell’inchiesta è l’Espresso, nel prossimo numero. Nella lunga lista ci sono personaggi dell’economia, ma anche della politica e dello spettacolo. A Benedini, alla guida di diverse grandi società, i magistrati contestano depositi per circa 4 milioni di euro, depositati in banche della Repubblica del Titano in periodi fino a 5 anni. Il manager milanese, che è stato già sentito dalla Procura emiliana, ha spiegato che erano redditi personali, non dichiarati al fisco italiano solo inizialmente, ma poi regolarizzati grazie allo scudo fiscale del 2009-2010, varato dall’allora ministro dell’Economia Giulio Tremonti. Come in tutti i casi di questo tipo, spiega l’Espresso in un’anticipazione, l’inchiesta continua, per verificare la provenienza dei fondi, risalire ad altri conti e confermare la regolarità del condono.

Tra le altre personalità coinvolte compare Giacchino Gabbuti, manager romano che ha gestito tra l’altro le società municipalizzate Atac e Roma Patrimonio durante il mandato da sindaco di Gianni Alemanno. Ma in questa inchiesta rientra anche la perquisizione a casa di Vasco Rossi, anche se in questo caso le fiamme gialle hanno già concluso le loro indagini accertando che il rocker di Zocca aveva sì trasferito 3 milioni di euro a San Marino, ma poi li aveva fatti rientrare con lo scudo di Tremonti.

E ancora. Tra i nomi pubblicati dall’Espresso ci sono Franco Lazzarini, manager genovese delle assicurazioni Ital Brokers, ritenuto vicino all’ex presidente della Regione Liguria Claudio Brulando, e Gerardo Segat, dirigente della Tax & Finance che assisteva Bee nella trattativa per l’acquisto del 48 per cento del Milan di Berlusconi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tangenti Capri, l’agendina del maresciallo con “interventi affettuosi” a ufficiali e politici: “Rischio uso per ricattare”

prev
Articolo Successivo

Traffico di migranti, così Egitto e Libia salvano i boss delle stragi. L’Isis ringrazia

next