Va bene Richie, ovviamente Fonzie, persino Potsie e Ralph Malph, ma se avete visto Happy Days il suo viso lo conoscevate di sicuro: quello di Al Delvecchio, il gestore del locale Arnold’s che ha fatto da sfondo alle avventure anni Cinquanta dei ragazzi di Milwaukee. Al era interpretato da Al Molinaro, attore italo-americano morto il 30 ottobre in California alla veneranda età di 96 anni. Caratterista già visto ne La strana coppia, altra serie cult di quegli anni, Molinaro era entrato nel cast di Happy Days nel 1976, restandoci fino al 1984.

Un viso indimenticabile, perché con caratteristiche fisiche così forti non si poteva scordare, che ha preso parte anche allo sfortunato spin-off Jenny e Chachi, che raccontava le vicende della figlia minore di casa Cunningham e del suo ragazzo (interpretato da Ralph Macchio).

All’inizio degli anni Novanta aveva deciso di abbandonare le scene, dedicandosi alla scrittura di racconti per ragazzi e a qualche comparsata in spot pubblicitari. Anche perché ormai Molinaro era Al Delvecchio, punto e basta. E la sovrapposizione era diventata così chiara che sul finire degli anni Ottanta aveva persino fondato una catena di ristoranti (“Big Al”) in società con Anson Williams, che in Happy Days era Potsie.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scientology a Milano, pronta la nuova sede faraonica della Chiesa di Tom Cruise

next
Articolo Successivo

Gender Bender, a Bologna il festival internazionale che “rompe i pregiudizi in maniera elegante”

next