Altro che Sesso Droga e Rock’n’Roll. Ormai i Rolling Stones hanno bisogno di istruzioni scritte anche per usare una televisione o un DVD. Mick Jagger ha 72 anni, Charlie Watts 74, Keith Richards 71 e Ronnie Wood 68. Come qualsiasi nonno, che chiama il nipote quando non riesce a far funzionare il telecomando o si incarta sui tasti dell’Iphone, anche i maledetti del rock hanno gli stessi problemi di molte persone della loro età.

E quando vanno in albergo chiedono esplicitamente che vengano lasciate delle istruzioni scritte su come utilizzare tutta l’elettronica in camera. La rivelazione viene dal sito web americano TMZ, che ha pubblicato la lista delle richieste fatte dai quattro in ogni albergo dove si sono fermati durante il loro tour in Nord America di questa estate.

Molte sono richieste in linea con quello che ci aspetterebbe da una rockband: fiumi di alcool sempre a disposizione, un servizio di maggiordomo 24 ore su 24, una vasta scelta di sigarette tra cui Marlboro Red e Marlboro Lights, vetri oscurati per poter sbroccare in perfetta privacy, un servizio di lavaggio a secco disponibile anche dopo la mezzanotte.

Capricci da star, niente di strano. Ma il particolare imbarazzante, pubblicato da TMZ, è la lista che ogni albergo ha dovuto stilare, di come utilizzare le cose più comuni. Dall’aria condizionata, alle luci fino ai lettori DVD, chiaramente Mick e compagni hanno un problemino su come padroneggiare la tecnologia.

Divertiamoci a immaginare Mick Jagger che inforca gli occhiali da presbite cerca di decifrare il manualetto per far partire un DVD (tra l’altro, chi li usa più i DVD?). O Keith che lascia la chitarra e ingaggia una battaglia con la pulsantiera dell’aria condizionata.

In una recente intervista Keith Richards si è descritto come una “qualsiasi altro vecchietto” che raggiunge la sua massima felicità quando può uscire e girellare in giardino. Nel tour precedente avevano anche chiesto una televisione satellitare per poter seguire le partite di cricket, lo sport anglosassone più classico e noioso, gli antipodi di un’attività da rockstar.

Nonostante i problemi con i pulsanti e led, i Rolling Stones non pare abbiano ancora intenzione di andare in pensione. A inizio 2016 ripartiranno per una nuova tournee in Sud America, proseguendo il lungo tour iniziato nel 2012 per celebrare il 50esimo anniversario della band. E di recente i giornali inglesi davano per certo l’arrivo di un nuovo album, dopo il silenzio più lungo della loro carriera, visto che l’ultimo disco “A Bigger Band” è del 2005.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kurt Cobain, arriva il disco postumo: un’operazione di scarso profilo artistico che rovina il ricordo del leader dei Nirvana

next
Articolo Successivo

‘Viaggio di ritorno’ di Paolo Zanardi, una manciata di canzoni sulla giovinezza ormai andata

next