Correva l’anno 1992, mancavano pochi giorni a Natale e un “tale” Roberto Maroni, all’epoca giovanissimo deputato leghista con la passione per la musica, passeggia per le vie della sua città – Varese – sotto una barba finta e agghindato da Babbo Natale, e con i suoi amici, suona per strada. Maroni alla fisarmonica, gli altri componenti ai fiati. Lo ha fatto anche l’anno successivo, così anche nel 1994 e nel 1995, ai tempi del primo governo Berlusconi, quando Maroni era un giovane ministro dell’Interno. A raccontarlo è proprio il governatore della Lombardia, mostrando le prove fotografiche di quelle sue uscite: “Quello con la fisarmonica sono proprio io“, altri tempi: “Ci davano pure i soldi – racconta a ilfattoquotidiano.it -, poi andavamo a berceli alla festa della birra

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Comunali, Berlusconi (Fi): “Per Roma e Milano servono sindaci manager”

prev
Articolo Successivo

Dimissioni Marino, Zanda: “Sono cosa seria, non si ritirano”. Orfini: “Ha fatto cose buone. Pd non sempre con lui”

next