Renzi-Assemblea-Pd

Innanzitutto toccherebbe rendersi conto che la gente non sa proprio dov’è la sinistra. Ti dicono di girare a sinistra e intanto con la mano ti indicano la destra.

E poi c’è la storia del portafoglio. “Ha il cuore a sinistra e il portafoglio a destra”. Cazzata mostruosa: nessuno ha il cuore a sinistra! Sarebbe ora di dirlo a scuola che il cuore dal punto di vista meramente anatomico, sta al centro! Ed è logico che sia così, sta per lo più dietro lo sterno che lo protegge! Se non ci credi guardati una radiografia!
Certo si potrebbe obiettare che dire che il cuore sta a sinistra sia un bene perché così si depistano gli assassini! Chissà quanta gente in più sarebbe morta se i criminali sapessero dove si trova il cuore esattamente!
Ma il più grosso problema della sinistra è che manca il senso delle priorità!
Con la crisi che c’è in giro mi spiegate perché la sinistra non si sbatte per creare gruppi d’acquisto globali? I lavoratori della Volkswagen ce l’hanno e risparmiano dal 20 al 30% su tutto quello che comprano. Sarebbe una cosa di sinistra aumentare il potere d’acquisto della gente. Invece no, perché se fai un gruppo d’acquisto del genere danneggi la Coop e allora i gruppi d’acquisto sono di destra!
Perché la Coop sei tu!
E poi adesso che la Volkswagen è stata beccata con le mani nel sacco non è più di sinistra parlare bene dei sindacati tedeschi

E come mai si parla così poco dello smog?
In Italia muoiono di inquinamento urbano più di 30mila persone all’anno. Nel mondo muoiono 180mila persone per le guerre e il terrorismo, 3 milioni e 700mila per lo smog. L’inquinamento dell’aria delle città uccide 20 volte più gente di tutte le guerre!
Allora sarebbe di sinistra dire che bisogna evacuare Milano da tutti i suoi abitanti, che Milano è il posto più inquinato d’Europa!
Ma vallo a spiegare al sindaco Pisapia!

Un’altra cosa che manca alla sinistra è la capacità di accorgersi degli errori: il senso dell’autocritica.
Quando c’era Berlusconi, povera creatura, una volta sono andato a un raduno di gente di sinistra e dopo gli interventi di 6 oratori che parlavano male di B. ho preso la parola e ho urlato: “Berlusconi è un cornuto!”. E tutti giù ad applaudire! Allora gli ho detto: “Certo che è veramente facile prendersi gli applausi con voi! Questa è un’assemblea contro Berlusconi, e allora dovremmo essere qui a discutere delle proposte per fare qualche cosa che funzioni contro lo sderenato di Arcore! E chiunque perda tempo a parlare male di B. dovrebbe essere fischiato perché se siamo qui è chiaro che siamo già convinti che B. sia un satanasso malefico e quindi continuare a ripeterlo ci fa perdere tempo! Invece vedo che questa è solo una gara a chi è più bravo a parlare male del Cavaliere maniaco sessuale!”. Quando ho finito di parlare non mi hanno applaudito di più.
L’opposizione a B. fatta dalla sinistra è evidente che non ha funzionato: ce lo siamo tenuti per 20 anni. Ma chi si è chiesto se per caso c’era qualche cosa di inefficiente nel nostro modo di fare opposizione?
E adesso con Renzi si sta facendo esattamente lo stesso errore: si organizzano delle belle gare a chi è più bravo a dirne di tutti i colori! Ma dire che Renzi è come Hitler non è una cosa di sinistra è disinformazione storica. Poi non c’è da stupirsi se una modella curvilinea dichiara in tv che vorrebbe vivere durante la Seconda Guerra Mondiale! Continuiamo così e anche Renzi ce lo teniamo per 20 anni!

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Alessandra Moretti a Otto e mezzo: uno spot anti quote rosa

next
Articolo Successivo

Senato, Barani sospeso per i gesti sessisti. Ma fu scelto come relatore della legge contro la discriminazione

next