Nuovo omicidio di un cittadino straniero in Bangladesh, anche questa volta rivendicato dall’Isis. Un uomo giapponese di 66 anni è stato assassinato nel distretto di Rangpur, cinque giorni dopo l’uccisione del cooperante italiano Cesare Tavella a Dacca. Lo ha riportato la direttrice del Site Rita Katz su Twitter.

I due episodi, anche se avvenuti a 250km di distanza, hanno delle analogie: anche in questo caso infatti i killer si sono presentati in moto, a volto coperto, hanno sparato e sono scappati. Lo conferma il commissario di polizia Rezaul Karim: “L’omicidio sembra avere la stessa dinamica dell’uccisione di Tavella il 28 settembre nel quartiere diplomatico di Gulshan”.

Secondo alcuni testimoni, l’uomo, Kunio Hoshi, è stato bloccato in strada mentre era su un risciò, è stato colpito al petto, alla schiena e a una mano da distanza ravvicinata ed è morto durante il trasporto in ospedale. La polizia ha interrogato quattro persone ma non ha ancora compiuto arresti. Hoshi si trovava in Bangladesh dal 28 agosto per lavorare a un progetto agricolo e non era la prima volta che visitava il paese.

L’omicidio è stato rivendicato sul profilo Twitter dello Stato Islamico. Il governo bengalese, tuttavia, aveva escluso che l’omicidio di Tavella fosse stato compiuto dall’Is e ha affermato che nel paese, musulmano ma tradizionalmente moderato, non ci sono cellule terroristiche. L’ambasciatore Usa a Dacca ha chiesto “un’indagine a tutto campo su questo crimine e l’arresto dei responsabili il più presto possibile”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Medioriente, attacca famiglia e uccide due israeliani. Colpito a morte da polizia

next
Articolo Successivo

Usa, strage al college nell’Oregon. La polizia: “il killer si è suicidato”

next