Il gruppo belga Ab Inbev, leader mondiale nel settore delle bevande, vuole conquistare la sudafricana SabMiller, secondo maggior produttore di birra. Quest’ultima ha comunicato di “essere stata informata” da Ab Inbev della sua “intenzione” di presentare una proposta di acquisto. Dalla fusione tra le due aziende nascerebbe un gruppo con 250 miliardi di euro di capitalizzazione. Ab Inbev, nata nel 2008 dalla fusione tra il gigante belga InBev e quello americano Anheuser-Busch, è il maggior produttore per quote di mercato e attraverso le sue controllate possiede oltre 200 marchi di birra, tra cui Budweiser, Corona e Stella Artois, mentre a SabMiller fanno capo altrettanti brand, inclusi Peroni, Nastro Azzurro e Pilsner Urquell.

SabMiller è cresciuta tramite acquisizioni, da quella della colombiana Bavaria all’australiana Foster’s, diventando numero due al mondo. L’anno scorso ha presentato un’offerta per acquisire Heineken e rafforzare la propria presenza sui mercati emergenti, ma la famiglia che controlla la società olandese ha rifiutato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nivea, Tribunale di Milano annulla marchio concorrente Neve: “Confonde consumatori”

prev
Articolo Successivo

Excelsior, l’hotel di Roma agli arabi di Katara Hospitality per 222 milioni

next