“Chiunque arrivi in Ungheria, cerca di andarsene. In questi giorni, anche i profughi che stavano nei centri sono scappati”. In nove mesi è stato il destino di almeno 150mila persone (siriani, iracheni e afghani soprattutto), secondo le stime dell’Unhcr, l’Alto commissariato Onu per i rifugiati. Cinquantamila solo ad agosto. A raccontarlo è Camille Tournebize di Migszol (Migrant Solidarity Group Hungary), un piccolo gruppo di attivisti che da tre anni raccoglie materiale di denuncia sulle condizioni in cui vivono i profughi nel Paese di Viktor Orbàn.

In Ungheria l’ingresso irregolare nel Paese è tornato ad essere un reato penale dal luglio del 2013, dopo una sospensione per sei mesi a seguito delle denunce della Corte europea per i diritti dell’uomo e dell’Unhcr. La legge è stata inasprita ad agosto 2015 e ira prevede fino a 3 anni di carcere. Il reato si sconta per sei mesi in specifici centri di detenzione: Debrecen, Békéscsaba e Nyirbátor. Dal 4 settembre il Parlamento ha inasprito la norma per gli irregolari, introducendo nel Codice penale un reato anche per chi danneggia le recinzioni ai confini. Così chi arriva illegalmente e viene fermato dalla polizia è costretto a fare richiesta d’asilo, per evitare la cella. Si finisce allora nei cosiddetti “open camps”, centri d’accoglienza da cui regolarmente si scappa. Solo che a quel punto è sicuro che le autorità ungheresi abbiano preso ai profughi le impronte digitali. E per il Regolamento di Dublino, la tanto contestata bibbia dell’accoglienza in Europa, è il Paese d’arrivo quello a cui spetta l’accoglienza. E così il richiedente asilo che è riuscito a passare il confine con Austria o Germania, le due mete principali di chi transita da Budapest, deve ritornare indietro di una casella come in un perverso gioco dell’oca: è ormai inserito nel sistema Eurodac, il database delle impronte digitali degli immigrati irregolari d’Europa. Questo è quanto accade normalmente e che rischia di accadere di nuovo a tutti coloro che hanno la sfortuna di aver raggiunto Budapest solo ora, a emergenza quasi conclusa. Paradossi delle crisi umanitarie. “La situazione è ancora molto confusa – ammette Torunebize -. Cambia tutto talmente velocemente che è difficile fare previsioni su ciò che possa accadere nei prossimi giorni”.

Non ci sono numeri precisi di quanti siano i potenziali richiedenti asilo in Ungheria in questo momento. “In media negli ultimi giorni ci sono stati 3mila nuovi ingressi al giorno“, aggiunge l’attivista. Per la prima volta, il 4 settembre, il governo ha organizzato pullman per portare via chi da giorni si era fermato alla stazione di Keleti, a Budapest, e i 1.200 che dalla capitale avevano cominciato la marcia verso il confine occidentale. Così è iniziata la pressione sui confini con Austria e Germania, spiega Tournebize. E ci sono le 150 auto che hanno raggiunto da Vienna il confine con l’Ungheria per recuperare i profughi: “Difficile capire se lasceranno passare i migranti”, commenta l’attivista di Migszol. Dopo la crisi alla stazione di Keleti, il governo ha ricominciato a favorirne la fuga dai centri. “Ovviamente non in via ufficiale”, specifica Tournebize. Il governo Orbàn ha sempre affermato di comportarsi come previsto dal Trattato di Schengen e dal Regolamento di Dublino: non passa l’extracomunitario. Per evitare che i profughi dalla Serbia valichino la frontiera meridionale dell’Ungheria, oltre alla realizzazione del muro, Orbàn, parlando con l’agenzia di stampa Reuters, ha ipotizzato anche di schierare dei militari al confine Sud. E ha aggiunto: “Non sono 150mila profughi e migranti che qualcuno vuole dividere secondo le quote, non sono 500mila, una cifra che sentito a Bruxelles, sono milioni, poi decine di milioni, perché il rifornimento di immigrati non ha fine”.

Il sistema d’asilo in Ungheria è pressoché inesistente. I cinque campi profughi in tutto contano 1.447 posti. Un nulla rispetto alle necessità. I richiedenti asilo residenti in Ungheria (dati Unhcr del dicembre 2014) erano 15.684 e 2.867 i rifugiati. Eppure la stima dei transiti dal Paese nel 2014 era di 40mila persone almeno. “Ogni anno, la media di richiedenti che ottiene l’asilo si aggira tra i 400-500”, aggiunge Torunebize. Si fa di tutto purché un profugo non si fermi a Budapest. Aiutare ad attraversare il confine, però, può costare caro a un cittadino ungherese: “Essere in auto con un migrante ed essere diretto alla frontiera è considerato immediatamente favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. La pena per chi commette questo reato può arrivare fino a tre anni di carcere”, spiega l’attivista di Migszol. Per questo l’associazione non aiuta direttamente i profughi ma piuttosto raccoglie materiale da presentare alla Corte europea dei diritti dell’uomo affinché siano impediti i respingimenti in Ungheria. Come già successo nei primi mesi del 2013.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grecia, a Lesbo molotov su rifugiati. Solo 30 poliziotti per 20mila siriani

next
Articolo Successivo

Parlamento europeo: J’accuse contro la sorveglianza di massa

next