“Bloccare le risorse per gli F35 e dirottarle verso programmi per salvare vite in mare”. Parte dal tema degli armamenti Alessandro Di Battista, deputato e membro del direttorio dei 5 stelle, per chiarire la posizione del Movimento sull’emergenza immigrazione. Ospite della Festa del Fatto Quotidiano a Marina di Pietrasanta, il parlamentare torna all’attacco su un terreno da sempre molto battuto dai 5 stelle. “Non dobbiamo provare a risolvere i conflitti internazionali mediante bombe, perché è questo che genera flussi migratori. Mi dà il voltastomaco l’ipocrisia di chi la domenica si scandalizza per le morti in mare e poi il lunedì continua ad armare chi li ha uccisi”. L’Italia, aggiunge, “avrebbe la forza di andare in Europa e minacciare gli altri paesi: o ci date una mano con una seria redistribuzione o ce ne andiamo, o ci date una mano per il superamento dell’accordo di Dublino o noi prendiamo altre strade. Allo stesso tempo – conclude – bisogna fare chiarezza sui centri che accolgono gli immigrati, perché c’è qualcuno che specula sulla permanenza dei profughi nei centri. Si alimentano cooperative che poi finanziano formazioni politiche come quello del ministro Alfano, che vede nell’immigrazione clandestina una nuova forma di finanziamento pubblico ai partiti” di Giulia Zaccariello

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Festa del Fatto, Bonafè dal palco: “Jobs act è profondamente di sinistra”. Fischi dal pubblico

prev
Articolo Successivo

Calabria, Cantone ferma Oliverio sulle nomine in sanità. Stop di tre mesi dopo caso Gioffré

next