Il Procuratore della Repubblica di Rimini, Paolo Giovagnoli, ha chiesto al gip l’archiviazione dell’indagine bis sul decesso di Marco Pantani per omicidio volontario, aperta un anno fa.

Secondo la Procura non ci sono dubbi che la morte del ‘pirata’, avvenuta il 14 febbraio del 2004 nel residence ‘Le Rose’ di Rimini, sia stata causata da un mix di farmaci e cocaina senza il coinvolgimento di altre persone. Era stata la famiglia, con un esposto, a far riaprire le indagini.

Dura la reazione della madre di Pantani, Tonina. “Aspettavo questo dopo aver visto l’indifferenza del Procuratore. Sentenza dura, ora inizia la guerra“, ha scritto in un post su Facebook.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bologna, l’azienda delocalizza in Bulgaria Per ordine dell’Arcidiocesi

prev
Articolo Successivo

Via degli Dei, il percorso da Bologna a Firenze attraverso l’Appennino. “Boom di richieste”

next