Il Procuratore della Repubblica di Rimini, Paolo Giovagnoli, ha chiesto al gip l’archiviazione dell’indagine bis sul decesso di Marco Pantani per omicidio volontario, aperta un anno fa.

Secondo la Procura non ci sono dubbi che la morte del ‘pirata’, avvenuta il 14 febbraio del 2004 nel residence ‘Le Rose’ di Rimini, sia stata causata da un mix di farmaci e cocaina senza il coinvolgimento di altre persone. Era stata la famiglia, con un esposto, a far riaprire le indagini.

Dura la reazione della madre di Pantani, Tonina. “Aspettavo questo dopo aver visto l’indifferenza del Procuratore. Sentenza dura, ora inizia la guerra“, ha scritto in un post su Facebook.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bologna, l’azienda delocalizza in Bulgaria Per ordine dell’Arcidiocesi

next
Articolo Successivo

Via degli Dei, il percorso da Bologna a Firenze attraverso l’Appennino. “Boom di richieste”

next