Yahoo è sempre più in crisi e la sua bionda amministratrice delegata, Marissa Mayer, ha annunciato di essere incinta di due gemelle che nasceranno nel prossimo dicembre. Non staremmo qui a parlare di una normale gravidanza, e relativa pausa dal lavoro adottata per legge, se non fosse che dopo l’annuncio dato dal suo blog su Tumblr, le azioni di Yahoo in borsa hanno perso valore. Mayer, 40 anni, CEO della multinazionale con quartier generale a Sunnyvale in California dal luglio 2012, aspetta due gemelli e prenderà un congedo di maternità di “sole” due settimane.

“Dal momento che la mia gravidanza non ha avuto problemi di nessuno tipo e visto che questo è un momento unico nella trasformazione di Yahoo, ho intenzione di avvicinarmi alla gravidanza e al parto come ho fatto con mio figlio che ora ha tre anni, prendendomi un tempo limitato di pausa dal lavoro”, ha spiegato la Mayer sul suo blog. “Ho condiviso la notizia e i miei piani di lavoro con il consiglio di amministrazione e il mio team esecutivo. Sono tutti incredibilmente solidali e felici per me”. Mayer era già incinta quando divenne CEO Yahoo nel luglio 2012, dando poi alla luce un bambino nel mese di settembre. All’epoca fu un segno di grande lungimiranza dare un incarico così importante ad una donna incinta. La Mayer poi si distinse nelle politiche sul lavoro, in una nazione che non concede congedi per genitori in attesa di figli se non a discrezione della singola azienda, predisponendo un piano per i dipendenti Yahoo che concedesse 16 settimane di congedo retribuito per le madri e 8 per i padri. Congedo che però lei stessa non adottò all’epoca della prima gravidanza, e che non adotterà nemmeno in questa seconda, ad eccezione di quei 15 giorni citati poc’anzi.

Dopo la dichiarazione pubblica della Mayer, la multinazionale Yahoo, che ha un valore di mercato di 30 miliardi di dollari, ha visto le sue azioni scendere del 2%, quindi attestarsi sui 31,60 dollari. Mic Mills, responsabile del servizio clienti di Capital Index, ha detto che questa notizia, più la situazione economica in Cina hanno fatto calare il titolo: “E’ una grande notizia per Marissa e la sua famiglia, ma la regola è che una qualsiasi notizia per i mercati è vista come una cattiva notizia. Mayer era incinta quando si è unita a Yahoo nel 2012 anche se poi è tornata molto rapidamente al lavoro una volta avuto il suo bambino. Nello stesso annuncio in cui ha parlato dei due gemelli ha già indicato che sarà di nuovo e rapidamente al lavoro dopo il parto. Questo potrà probabilmente aumentare nei giorni a venire la fiducia nei mercati”. Tim Whitehead, gestore degli investimenti a Redmayne-Bentley, è invece di parere opposto: “Non c’è correlazione tra l’annuncio di Marissa Mayer e il calo della azioni di Yahoo”, ha spiegato al Guardian.

Mayer è stata chiamata in Yahoo nel 2012 per la sua esperienza passata come dirigente di Google. I prezzi delle azioni di Yahoo sono più che raddoppiati dopo la sua nomina, un guadagno attribuito alla partecipazione di grandi dimensioni di Yahoo in Cina con l’operazione di ecommerce Alibaba Group. Nel 2014 invece le azioni di Yahoo hanno perso il 37% del loro valore e Google sta vincendo la sfida. “Deve essere frustrante se sei un investitore, e non si tratta del bimbo di prima o della gravidanza attuale”, spiega sempre al Guardian l’analista della Rosenblatt Securities, Martin Pyykkonen. “Il problema è che la Mayer non ha saputo gestire bene il business pubblicitario”. Tuttavia la reazione gelida dei mercati è stata stemperata dall’entusiasmo della mamma Marissa: “Sono piena di energia al pensiero di dovermi dedicare alla mia famiglia e a Yahoo. Farò tutto ciò che è necessario per aiutare a crescere bene entrambi”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manuela, la figlia di Pablo Escobar: quando papà bruciò milioni in banconote per proteggerla dal freddo

next
Articolo Successivo

Rete donne Berlino, la solidarietà femminile delle italiane emigrate in Germania: punto di riferimento a trecentosessanta gradi

next