A New York Pietro Grasso va in classe economica. Laura Boldrini, invece, viaggia in Business class. I presidenti di Senato e Camera sono stati invitati a partecipare alla IV Conferenza mondiale dei Presidenti di Parlamento organizzata dall’Unione Interparlamentare (Ipu), in programma nella sede delle Nazioni Unite, da lunedì 31 agosto a mercoledì 2 settembre, sul tema “la democrazia al servizio della pace e dello sviluppo sostenibile”.

Stesso appuntamento, stesse giornate, anche se con impegni ed incontri differenziati nelle due giornate newyorchesi. E tuttavia, i due presidenti delle Camere hanno raggiunto la Grande Mela con voli di linea diversi ed in giorni diversi. Ma soprattutto, in classi diverse, e con spese diverse. Pietro Grasso con il suo seguito hanno viaggiato alla volta dell’America in classe economica; Laura Boldrini e le persone che la accompagnavano sono invece andate in Business class per questo appuntamento oltreoceano, nel corso del quale sono anche previsti incontri (separati, secondo quanto si legge dai programmi diffusi alla stampa) con la collettività italiana presso la sede del Consolato generale d’Italia.

Riceviamo e pubblichiamo dai portavoce dei presidenti Grasso e Boldrini

Il sito del Fatto quotidiano sostiene che i Presidenti delle Camere abbiano fatto scelte diverse per il viaggio a New York in occasione della quarta Conferenza mondiale dei Presidenti di Parlamento organizzata all’ONU dall’Unione interparlamentare. Non è così. Stessa decisione di rinunciare al volo di Stato, stessa classe nel volo di linea, incontro congiunto con la comunità italiana. L’unica differenza è nel fatto che la presidente Boldrini è arrivata due giorni prima, per partecipare al Meeting mondiale delle Donne presidenti di Parlamento. Al quale il presidente Grasso – per motivi che non vi sfuggiranno – non ha partecipato. 

Cordiali salutiRoberto Natale (portavoce Presidente Boldrini) e Alessio Pasquini (portavoce Presidente Grasso)
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Girolamini, intervista a De Caro il ladro di libri: “Biblioteca saccheggiata prima di me. Le mie preghiere per Dell’Utri”

prev
Articolo Successivo

Sondaggi, se il Pd si allea con Ncd prende il 4% in meno (e forse perde le elezioni)

next