La petizione per chiedere la sua espulsione dall’Europarlamento ha quasi raggiunto quota 50mila adesioni, e lui se la prende con Change.org, il portale per raccogliere le firme online su cui è stata lanciata la campagna. “Sono solo dei fancazzisti che non sanno cosa significa amministrare”, sbotta Gianluca Buonanno, sindaco del comune di Borgosesia, in provincia di Vercelli, ed europarlamentare della Lega Nord. Alcuni giorni fa, il leghista aveva annunciato l’intenzione di circondare il comune da lui amministrato con “filo spinato elettrificato” per non fare entrare “i clandestini“, “come si fa per i cinghiali”. Parole che erano finite sotto il fuoco incrociato delle polemiche, sopratutto sul web. Fino a quando Stefano Corradino su Change.org ha deciso di lanciare una petizione per far espellere Buonanno dal parlamento Europeo. Una cosa simile era già successa nel 2013 con Mario Borghezio (e in quel caso le firme raggiunte erano state 130mila).

In pochi giorni anche la petizione contro Buonanno ha riscosso parecchio successo sul web fino a quando, domenica 30 agosto, supera quota 47mila firme. E il diretto interessato decide di replicare mettendo nel mirino il portale delle petizioni online. “Se faccio il sindaco dal 1993, evidentemente, sono meno peggio di quel che loro mi vogliono far passare: se questi signori avessero dato aiuti, soldi, case e lavoro a tanti stranieri come io ho fatto in questi anni capirebbero che il razzista non sono ma sono loro. Io ho aiutato gli stranieri davvero, loro solo a parole. E comunque sono libero di pensare quello che credo e di fare ciò che ritengo opportuno”, dice ad affaritaliani.it l’esponente del Carroccio.

Poi l’attacco al portale Change.org: “Parlando di animali (il riferimento è a quel “come per i  cinghiali”, paragonati ai clandestini) gli unici che mi vengono in mente sono quelli che campano denunciando gli altri per avere un minimo di visibilità, proprio come questi signori di Change.org: Quando farò l’elenco di tutti gli stranieri che ho aiutato in questi anni, queste persone dovranno rintanarsi sui monti come le caprette. Farò l’elenco e poi vediamo chi è il razzista. Questi parlano ma non fanno un tubo, al contrario io rispondo con i fatti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi contro tutti: “D’Alema e Ulivo? Disse lui che era insufficiente. Prodi? Tasse abbassate ma non se lo ricorda”

next
Articolo Successivo

Renzi: “Antiberlusconismo? Io ero per l’Ulivo, non contro gli altri”

next