La libido, che da sempre accompagna le nomine Rai, origina dall’immutato fascino del potere televisivo e dall’immaginario (tutto maschile) di poter comandare in un mondo luccicante, e disponibile, di soubrette e paillettes.

Sogni d’oro interrotti ieri da un informato articolo de La Stampa sulla Rai di Renzi e sul “nuovo mood” che i nuovi direttori dovranno applicare per realizzare un’informazione con “meno ansia e più servizio pubblico”. D’ora in avanti, par di capire, all’ingresso di Saxa Rubra sarà scolpito sulla pietra il tweet-invettiva del premier contro i “talk-show pollaio zeppi di trame, segreti, finti scoop, balle spaziali e retropensieri”.

Che cesseranno all’unisono. Avanti invece con una tv più costruttiva, edificante, educativa, che “racconti le tante cose positive del nostro paese”. Insomma, una RenziRai i cui palinsesti verranno elaborati dall’ufficio stampa di Palazzo Chigi, per fare prima. Sulla base dell’editto è possibile che trasmissioni di successo (ma che a Renzi, poverino, provocano ansia) come Report, Presa diretta, Ballarò e forse anche Chi l’ha visto, saranno sostituite, per esempio, da 47-35 Parallelo Italia, dal timbro assai costruttivo ma con ascolti purtroppo da monoscopio.

Grande giubilo, in queste ore, traspare dalla concorrenza di Mediaset e La7 ed esulta anche il mondo della satira, ultimamente a corto di idee.

Il Fatto Quotidiano, 5 agosto 2015

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Rai, Freccero lo avrebbe votato anche Articolo21

next
Articolo Successivo

Droghe: appunti sparsi sul perché non ne capiamo nulla

next