Un abilitato Tfa inserito nelle Graduatorie ad Esaurimento. Uno dei precari esclusi dalla riforma della scuola riammesso di diritto nel piano straordinario di assunzioni. La notizia che arriva dal tribunale del lavoro di Cremona può essere un terremoto per il mondo della scuola e in particolare per il Ministero che si appresta ad attuare la riforma Renzi-Giannini da poco approvata dal Parlamento. È la prima volta in assoluto, infatti, che le porte delle GaE (le liste che assegnano posti a tempo indeterminato e che ora il governo si appresta a svuotare con le 100mila immissioni in ruolo) si aprono a pieno titolo per i nuovi abilitati del Tirocinio Formativo Attivo.

Il Tfa, istituito dall’ex ministro Gelmini, è attualmente l’unico canale di abilitazione all’insegnamento in Italia, con due cicli già svolti (l’ultimo si è appena concluso, presto potrebbe esserne arrivato un terzo, in attesa della possibile riforma dell’abilitazione anticipata da ilfattoquotidiano.it). Esiste dal 2010 e fino ad oggi ha sfornato circa 30mila abilitati. Questi docenti, gli ultimi ad aver conseguito il titolo, sono anche i principali esclusi dalla riforma della scuola. Il piano straordinario del governo, infatti, si propone di svuotare le Graduatorie ad Esaurimento, dove sono iscritti i precari storici, così da risolvere un problema annoso del sistema e poter bandire in futuro concorsi con cadenza regolare. A costo, però, di tagliare fuori gli insegnanti più giovani. La situazione, adesso, potrebbe cambiare radicalmente con la decisione del tribunale cremonese: fra i 100mila assunti ci sarà almeno uno degli abilitati Tfa inizialmente esclusi.

Per il momento i dettagli sono ancora sconosciuti: l’avvocato Sirio Solidoro, che ha curato il procedimento, preferisce non rivelare la strategia che ha permesso di ottenere quella che definisce “una vittoria storica e clamorosa”. Si sa soltanto che il beneficiario è un abilitato del secondo ciclo. Non un depennato, né congelato Ssis, o con 36 mesi di servizio. Nessuna particolarità di carriera, dunque: un tieffino come tanti altri. E il giudice del lavoro, accogliendo il ricorso con urgenza, non si è limitato ad inserire il docente in GaE. Ma, citando il piano di assunzioni della riforma, ne ha disposto esplicitamente l’inclusione e la partecipazione alla “fase zero” che sta partendo in questi giorni.

In passato, a dicembre per la precisione, una sentenza del Consiglio di Stato aveva già ammesso alcuni abilitati Tfa in GaE, ma solo con riserva. Qui il provvedimento è a pieno titolo. “Qualcosa di impensabile fino a poche settimane fa, la dimostrazione che queste Graduatorie non sono poi così chiuse”, sottolinea l’avvocato Solidoro. Ancora da capire cosa cambierà per il futuro: possibile che il Ministero si appelli. Ma anche che vengano presentati nuovi ricorsi analoghi ai tribunali del lavoro. “Fossi il ministro mi interrogherei profondamente. Abbiamo ottenuto una vittoria senza precedenti, l’auspicio è che abbia dei seguiti “, conclude il legale. Ci sperano tutti gli abilitati Tfa esclusi della riforma. E sono migliaia.

Twitter: @lVendemiale

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Paolo Borsellino non è una strada

prev
Articolo Successivo

Università, la classifica 2015: Verona è la migliore. Cresce il divario Nord-Sud

next