Cibo, vino, risate, musica, belle ragazze che ballano, una piscina sullo sfondo. Niente di male se non fosse che il festeggiante, l’immobiliarista Daniele Pulcini, si trova agli arresti domiciliari dal 4 giugno, coinvolto nel secondo tronocone dell’inchiesta Mafia capitale. E gli ospiti, mentre si riprendono allegramente l’un l’altro con il telefonino, ironizzano su “l’uomo nero” che è meglio non mostrare. I video, però, sono stati resi pubblici da Selvaggia Lucarelli, giornalista del Fatto Quotidiano, sul suo profilo Facebook. “A proposito di mafia capitale e della barzelletta che siamo”, scrive Lucarelli, “uno degli imprenditori finiti ai domiciliari nell’ultimo giro di arresti, Daniele Pulcini, i suoi domiciliari li fa così, a casa sua con Antonella Mosetti e amici a bordo piscina che poi pubblicano i video su fb chiamandolo “l’uomo nero”.

La giornalista esprime dubbi sull’eventualità che la festa nella villa con piscina violi qualche obbligo di legge. I legali di Pulcini si riservano le valutazioni del caso, anche perché – a quanto emerge – la dimora in cui l’imprenditore si trova ai domiciliari non sarebbe dotata di piscina. “Belli i domiciliari così, li voglio fare pure io ad agosto. Marino!!! Alfano!!!! Questore!!! Aiuto!”, scrive comunque Lucarelli. E ancora: “Giusto per chiarire: i video precedenti sono tutti pubblicati oggi su fb da un amico di Pulcini presente nei filmati e ci sono anche varie foto scattate e pubblicate settimane fa sempre in quella casa e in quella piscina. Buoni domiciliari a tutti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tirreno Power, ritratto di una classe dirigente e della sua neolingua

prev
Articolo Successivo

Mafia Capitale, festa in piscina per imprenditore ai domiciliari: “Non inquadrate l’uomo nero”. Ecco i video

next