Un’interpellanza al ministero del Tesoro per chiedere che il governo intervenga per garantire “la posizione di indipendenza e garanzia della Banca d’Italia“, “rafforzare i requisiti di onorabilità dei commissari” e “garantire il rispetto del diritto al credito”. A presentarla sono stati sette deputati del MoVimento 5 Stelle – prima firmataria Carla Ruocco – sulla base di un articolo de ilfattoquotidiano.it che ha raccontato la storia di un piccolo imprenditore pugliese strozzato dai tassi usurai applicati dalla Banca di credito cooperativo di Alberobello e Sammichele di Bari, commissariata da via Nazionale. Una storia da cui Bankitalia non esce bene visto che con diverse circolari risulta aver avallato l’applicazione di interessi passivi superiori alla soglia consentita.

Nonostante il commissariamento, scrivono i deputati nell’atto depositato alla Camera il 14 luglio citando il Fatto, “la pratica dell’usura è continuata come nulla fosse e i commissari – chiamati a rispondere del loro operato contra legem – hanno opposto le circolari di Bankitalia con la formula matematica da utilizzare per il calcolo del tasso effettivo globale (Teg)”. In più “risulta all’interpellante che tra i commissari della BCC di Alberobello Giuseppe Tammaccaro, sia indagato nell’ambito dell’inchiesta sul crac della casa di cura Divina Provvidenza” e “le circolari di Banca d’Italia, nello specifico circolare Banca d’Italia 30 settembre 1996 e successive, avrebbero consentito alla Bcc (…) di continuare a praticare tassi usurai, violando di fatto la legge”.

Di qui la decisione di interpellare via XX Settembre per sollecitare un intervento anche in merito al presunto “conflitto di interesse” con le banche socie, in seguito al quale Bankitalia “non adotta l’ordinaria vigilanza nei noti dissesti bancari come ad esempio il Mps, la Banca delle Marche, Carige, utilizzando i commissariamenti discrezionali e spesso arbitrari come politica creditizia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grecia, Ft: “Se Ue non taglia debito Fondo monetario non partecipa a piano”

prev
Articolo Successivo

Strauss Kahn, l’ex numero uno dell’Fmi ora diventa consulente di Cuba

next