“Mi auguro che l’onorevole Sarro valuti l’opportunità di presentare immediatamente le dimissioni dalla commissione Antimafia“. A dirlo è la presidente della commissione, Rosy Bindi, che in una nota aggiunge di aver già “scritto ai presidenti di Camera e Senato per sollevare la questione”. La Bindi, nel comunicato, afferma tra l’altro che “desta particolare preoccupazione il coinvolgimento nell’indagine” di un deputato, Sarro, che è “vicepresidente della Commissione Giustizia e membro della commissione parlamentare Antimafia”. Carlo Sarro, deputato di Forza Italia, è indagato per turbativa d’asta dalla Procura antimafia di Napoli e i pm hanno chiesto alla Camera il via libera per gli arresti domiciliari. “Sino a questo momento – dichiara Sarro – ancora nulla mi è stato notificato e, dunque, dispongo solo di elementi di conoscenza di tipo giornalistico”. Sarro si dice sconcertato: “Desta in me amarezza vedere il mio nome trascinato in una simile situazione avendo improntato, in oltre trent’anni di attività professionale e venti di impegno politico ed istituzionale, tutta la mia azione a principi di correttezza ed onestà“. Ma mentre rassegna le dimissioni da commissario dell’Autorità d’ambito (in questa veste è finito nell’inchiesta), ha rimesso al partito – Forza Italia – gli incarichi politici. “Dedicherò tutto il mio tempo – conclude – a lavorare per la riaffermazione della verità, non potendo permettere che la dignità della mia famiglia e la mia storia personale, professionale e politica possano essere intaccate da una simile vicenda”.

Chi su questa vicenda va all’attacco è il Movimento Cinque Stelle: “Ancora corruzione e mafia. Ma stavolta con un qualcosa di allucinante in più – scrive su Facebook Danilo Toninelli – Il deputato di Fi su cui pende la richiesta di arresto, Carlo Sarro, non è un politico qualunque. È il vice presidente della commissione Giustizia ma soprattutto è membro della commissione Antimafia” e quindi, in pratica, “se le accuse fossero fondate, e credetemi che la magistratura non parte se non ci sono indizi più che fondati, significa che la mafia era dentro la commissione Antimafia”. E il collega Manlio Di Stefano aggiunge: “Siamo al punto di sciogliere il Parlamento per infiltrazione mafiosa, altro che Grexit, altro che il Bomba, altro che riforme. E’ solo questione di tempo…”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi politici, Pd perde 3 punti percentuali in un mese. Cresce il M5S

next
Articolo Successivo

Bilancio Camera, in 3 anni risparmio 223 milioni. M5S: “Con noi stop affitti d’oro”

next