La nuova tornata di crash test EuroNCAP miete una nuova, inaspettata vittima tra i modelli testati: ad avere la peggio nelle prove messe a punto dal consorzio europeo che si occupa di testare la sicurezza delle auto è stata la nuova Panda Cross, cui sono state tributate appena tre stelle. Il modello, per quanto presentato lo scorso autunno, è infatti costruito sulla base della Panda, che l’EuroNCAP aveva testato nel 2011 e giudicato degno delle 4 stelle; nel frattempo però i criteri sono stati inaspriti e così la versione top di gamma Cross si ferma a una modesta sufficienza.

A penalizzare la nuova versione della citycar a trazione integrale di casa Fiat sono stati principalmente due fattori, e cioè i sistemi elettronici di sicurezza e la protezione in caso di investimento di pedoni: pur avendo di serie il controllo di stabilità e il reminder per le cinture di sicurezza sia per i sedili davanti sia per quelli posteriori, la nuova Cross è sprovvista di sistemi per il controllo della velocità e per il cambio di corsia, così come del sistema di frenata d’emergenza, che sommate alla scarsa protezione in caso di impatto con i pedoni (punti particolarmente sensibili, il parabrezza e i paraurti) hanno contribuito ad abbassare la media ottenuta dalle buone prestazioni per quanto riguarda la tutela di adulti e bambini.

Risultati migliori, invece, per la Hyundai i20: la nuova piccola della casa coreana è risultata la più sicura in caso di investimento di pedoni fra le tre vetture testate, e ha ottenuto un buon punteggio sia nella protezione bambini, sia in quella degli adulti, dimostrando buona resistenza in entrambe le tipologie di impatto, frontale e laterale, pur con qualche problema nell’apertura dell’airbag dei sedili anteriori, ostacolata da parte del rivestimento interno. Anche in questo caso, a penalizzare il risultato finale (4 stelle su 5) è stata la dotazione elettronica: controllo della stabilità e cicalini per le cinture di sicurezza sono di serie, limitatore di velocità e avviso di cambio di corsia sono disponibili come optional, mentre manca un sistema di frenata d’emergenza.

A portarsi a casa le ambite 5 stelle in questa nuova tornata di test è stata dunque soltanto la Skoda Superb: la terza generazione dell’ammiraglia della casa ceca ha ottenuto buoni punteggi in tutte e 4 le categorie, superando ampiamente la sufficienza per quanto riguarda la protezione di adulti e bambini e soddisfacendo gli standard della dotazione elettronica, segno che la collaborazione tra la casa boema e le tecnologie d’avanguardia del gruppo Volkswagen continua a dare i suoi frutti.

Fiat Panda Cross – 3 stelle

protezione adulti – 70% (sufficienza a quota 80)
protezione bambini – 77% (75)
urto con pedone – 50% (65)
sistemi di sicurezza – 46% (70)

Hyundai i20 – 4 stelle

protezione adulti – 85% (sufficienza a quota 80)
protezione bambini – 73% (75)
urto con pedone – 79% (65)
sistemi di sicurezza – 64% (70)

Skoda Superb – 5 stelle

protezione adulti – 86% (sufficienza a quota 80)
protezione bambini – 86% (75)
urto con pedone – 71% (65)
sistemi di sicurezza – 76% (70)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Audi Lunar Quattro, un robot per andare sulla Luna. In palio, il premio di Google

prev
Articolo Successivo

Governo Usa indaga sull’NHTSA: 119 morti per difetto GM non sono accettabili

next