E’ arrivata sabato 27 giugno la firma dell’intesa tra la Repubblica italiana e l’Istituto buddista italiano Soka Gakkai, che permetterà all’istituzione religiosa di poter beneficiare dell’8 per mille nella prossima dichiarazione dei redditi. Questo  accordo rappresenta:  “un atto storico per la nostra scuola buddista e una giornata memorabile per tutti coloro che vedono nella libertà religiosa e nel rispetto di tutte le fedi la base di una società che vive e desidera la pace, di un Paese che costruisce opportunità, che guarda al presente determinando un futuro di speranza e prosperità per tutti”, ha commentato il presidente del Soka Gakkai, Tamotsu Nakajima. 

A suggellare l’intesa con il presidente dell’Istituto buddista italiano, che conta 70mila fedeli (e potenziali elettori) italiani,  è intervenuto, sabato, durante una cerimonia a Villa di Bellagio a Firenze il presidente del consiglio Matteo Renzi, che a seguito della firma dell’accordo ha ricevuto un prolungato applauso dagli oltre cinquecento invitati. All’incontro erano presenti, tra i tanti, anche il sindaco fiorentino, Dario Nardella, renziano doc, e il nuovo presidente del Consiglio regionale della Toscana, Eugenio Giani. Ora i fedeli di una delle più antiche e diffuse religioni del mondo potranno scegliere, alla prossima dichiarazione dei redditi, una seconda istituzione che segue gli insegnamenti di Siddhārtha Gautama, meglio conosciuto come Buddha.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

5 per mille, la cultura è maglia nera. Solo 26 enti ammessi e soldi mai pagati

next
Articolo Successivo

Terzo settore: “Remunerare al 5% tutte le attività con impatto sociale positivo”

next