Oggi siamo 100 milioni. Nel mondo, Change.org ha raggiunto i 100 milioni di utenti e ha fatto in modo che 38 milioni di persone firmassero una petizione che ha ottenuto quel che si prefiggeva.

In Italia Change.org è arrivata nel luglio 2012, gli utenti registrati sono oggi 3.811.000, con 8.146 petizioni attive.

Oltre un milione e settecentomila utenti italiani hanno partecipato a petizioni “vincenti” aperte sulla versione italiana della piattaforma.

La più grande campagna italiana vinta finora su Change.org è stata quella di ‘Stop al Vitalizio’, lanciata da Libera e Gruppo Abele, che ha raccolto la cifra record di 522.991 firme. La più grande raccolta firme online della storia nazionale.

Soltanto da gennaio di quest’anno, inoltre tra le tante vittorie che trovate qui ricordiamo che è stata sospesa la condanna a morte del blogger iraniano Soheil Arabi (239.598 firme); è stata reintegrata sul posto di lavoro di Patrizia “Zoe”, licenziata perché malata di cancro (80.319); Roberto Mancini è diventato “vittima del dovere” dopo aver pagato con la vita le sue indagini sugli ecoreati nella Terra dei Fuochi (74.641) e Salvatore Usala, malato di Sla, ha convinto il governo a stanziare 800 milioni di euro per l’assistenza domiciliare ai disabili (46.192).

“C’è molta disillusione sulla politica – ha dichiarato ben Rattray, fondatore e CEO – ma i 100 milioni di persone che stanno utilizzando Change.org dimostrano che c’è grande voglia di impegno civile – a livello locale, nazionale e globale – e che, quando le persone si mobilitano utilizzando gli strumenti giusti, i risultati ottenuti possono essere incredibili (…). In futuro la tecnologia trasformerà la politica, esattamente come è già successo per altre industrie, dal commercio alle telecomunicazioni ai trasporti, e oggi vediamo solo l’inizio di questo processo”

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Toscana: l’isola di Pianosa infestata dalle zecche, specchio del nostro turismo (e non solo)

next
Articolo Successivo

Gender, paure e metafore

next