Dice: non bastava la trilogia di Cinquanta sfumature (di grigio, rosso e nero)? Evidentemente no, nonostante il successo planetario di una saga erotico-letteraria da 125 milioni di copie vendute. E allora E. L. James (pseudonimo di Erika Mitchell) ha mandato alle stampe Grey, il quarto volume. Ieri è uscita la versione inglese, mentre per quella italiana, almeno su Amazon, toccherà aspettare il 3 luglio prossimo. Mancano ancora 15 giorni, dunque, ma già è Grey-mania, visto che il libro è primo in classifica su Amazon, grazie a copiose prenotazioni arrivate sulla fiducia.

Merito anche del successo clamoroso del film tratto da Cinquanta sfumature di grigio, il primo libro della trilogia, con gli incassi che hanno superato i 500 milioni di euro in tutto il mondo. Un film qualitativamente stroncato praticamente da tutti, ma che, come previsto, ha incuriosito milioni di avidi lettrici e lettori delle vicende erotiche e sadomaso di Christian Grey e Anastasia Steele. E qual è la differenza tra il quarto libro e i precedenti? Praticamente nulla, almeno nella trama. Quello che è cambiato è che la storia è raccontata dal punto di vista di Mister Grey. Punto.

Questo nuovo capitolo della saga sembra più che altro una lecita operazione commerciale, per sfruttare l’onda lunga di una moda planetaria che continua a fruttare parecchi quattrini. E allora prepariamoci a una nuova invasione delle sfumature sotto l’ombrellone, con signore (e signori, perché no) particolarmente accaldate, ben oltre la temperatura reale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sindrome da shock tossico, gamba amputata per colpa di un assorbente interno: modella fa causa all’azienda

next
Articolo Successivo

Marijuana, coltivazioni domestiche e coffee shop: la proposta di 200 parlamentari

next