Vietato parlare al cellulare durante la guida in Francia, anche se si utilizzano gli auricolari più tecnologici. Sarà invece consentito adoperare soltanto i sistemi “integrati nel veicolo o che non si tengono in mano”, cioè sarà utilizzabile esclusivamente il vivavoce. Il provvedimento, operativo a partire dal 1 luglio, è stato stabilito dal ministero dell’Interno guidato dal socialista Bernard Cazeneuve. La legge si è resa necessaria a causa del vertiginoso aumento della mortalità sulle strade transalpine: le statistiche dicono che un incidente su dieci è provocato dall’uso del telefonino mentre si è al volante. In particolare, è ritenuto pericoloso anche e soprattutto l’invio di sms e la connessione ai social network, Facebook e Twitter su tutti.

In questo modo, il governo di Francois Hollande ha deciso di irrigidire la normativa vigente con giro di vite su tutte le attività che distraggono il guidatore. Sono previste multe più severe per tutti coloro che verranno colti in contravvenzione: guidare con l’auricolare costerà 135 euro di multa e 3 punti sulla patente. Allo stesso tempo, per i conducenti più giovani il tasso di alcoolemia tollerato sarà ulteriormente abbassato, da 0,5 grammi su ogni litro di sangue a 0,2. Multe anche per chi va in moto, scooter e addirittura in bicicletta se verrà sorpreso con i dispositivi intra-auricolari. “Il provvedimento – spiega la sicurezza stradale – vuole evitare che i conducenti si trovino isolati dall’ambiente esterno e perdano la concentrazione”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

JLR, l’auto leggerà le onde cerebrali. Per sapere se può cedere il volante all’uomo

prev
Articolo Successivo

Scenari di crisi, come reagirebbero VW, Daimler e BMW? Vince chi diversifica

next