Blu e giallo, come Ryanair. Megabus, il servizio di pullman low cost che muove 5 milioni di passeggeri l’anno, ha gli stessi colori di bandiera della compagnia aerea irlandese famosa per i voli a prezzi stracciati. Anche Megabus collega le principali città europee con prezzi a partire da 1 euro a tratta (più 0,50 euro di costo di prenotazione, ma la media europea dei biglietti è sui 15 euro). Ma le analogie finiscono qui, perché i due servizi non sono parenti: Megabus è nata nel Regno Unito, nel 2003, oltre che in Europa opera anche in Nord America (400 bus in totale) e fa parte del Stagecoach Group, che in Inghilterra gestisce pure il servizio ferroviario low cost Megatrain.

Dal 24 giugno, Megabus sarà attivo anche in Italia con 23 autobus da 87 posti l’uno e tratte che collegano 13 città: Torino, Milano, Genova, Padova, Verona, Venezia, Bologna, Pisa, Siena, Firenze, Roma e Napoli. Al momento nessuna città italiana è collegata a mete internazionali, mentre all’estero è possibile, per esempio, raggiungere Parigi o Londra partendo da Amsterdam o da Barcellona.

In questa fase iniziale del lancio del servizio in Italia, le tariffe sono molto convenienti: prenotando oggi un posto sulla tratta Milano-Roma per il giorno d’inaugurazione del servizio, si trovano posti a 1 euro in tutti e otto gli orari proposti, dalle 4 di mattina alle 9 di sera. Niente in confronto allo stesso percorso in treno o in aereo, ma bisogna mettere in conto tempi di percorrenza molto lunghi: fra le 9 ore e le 10 h 40′ per andare da Milano a Roma, 15 ore per andare da Torino a Napoli e 11 h 15′ da Venezia a Napoli. Sull’autobus, però, sono presenti il wi-fi gratuito, la toilette e le prese di corrente. Al momento i biglietti si possono comprare solo on line previa registrazione al sito, ma in futuro sarà disponibile un servizio di biglietteria in stazione.

Le tratte di Megabus in Italia:
Torino-Milano-Bologna-Firenze-Roma-Napoli (e viceversa)
Venezia-Padova-Firenze-Roma-Napoli (e viceversa)
Torino-Milano-Verona-Padova-Venezia (e viceversa)
Torino-Genova- Sarzana (La Spezia)-Siena-Roma (e viceversa)
Milano-Genova-Pisa-Roma (e viceversa)
Milano-Bologna-Firenze-Roma-Napoli (e viceversa)

Le stazioni servite da Megabus in Italia:
Torino: Corso Vittorio Emanuele 131, vicino alla stazione FS Porta Susa
Milano: Autostazione Lampugnano
Bologna: Autostazione Piazza XX Settembre
Verona: viale Girolamo Cardinale, Autostazione, Stallo 36, vicino alla stazione FS di Verona Porta Nuova
Padova: Autostazione Viale della Pace
Venezia: isola del Tronchetto, vicino alla stazione del People Mover
Genova: Piazza della Vittoria, non lontano dalla stazione FS Genova Brignole
Sarzana (La Spezia): via Variante Cisa
Siena: fuori dalla Stazione FS di Piazzale Rosselli
Pisa: parcheggio di via Pietrasantina
Firenze: Piazzale Montelungo, nei pressi della stazione FS Santa Maria Novella
Roma: Autostazione Tiburtina
Napoli: Metropark di via Lucci, vicino alla stazione FS Napoli Centrale

Bagagli ammessi: i bagagli non vengono registrati né vengono rilasciate ricevute di quanto caricato in stiva. Ogni passeggero ha diritto a portare con sé 25 kg di bagaglio, una, due o tre borse che nel complesso non superino le dimensioni di una valigia grande (al massimo 200 cm sommando altezza, larghezza e profondità). A bordo si può portare “un piccolo bagaglio a mano delle dimensioni adatte per tenerlo in grembo o posizionarlo sotto il sedile di fronte.”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Consumi fasulli, class action Altroconsumo vs FCA in aula il 3 luglio

prev
Articolo Successivo

Autostrade tedesche, l’Europa rallenta l’applicazione del “pedaggio per stranieri”

next