Ha iniziato a esibirsi in spettacoli di striptease quando aveva appena 15 anni con il nome d’arte Paris ma oggi Amber Rose fa parlare di sé per una nuova iniziativa dal titolo sicuramente forte “Come essere una perfetta troia”. S’intitolerà proprio così il suo primo libro, del quale si parla molto sui social e che sta già facendo discutere.

La copertina curata da David LaChapelle la ritrae come una guerriera patinata con arco in mano, vicino un uomo trafitto, il che sta a simboleggiare la superiorità della donna, cosa di cui è convinta l’ecclettica Amber. “Il libro – spiega – parlerà degli errori che ho commesso in modo che le donne possano evitarli”. Amber Rose nel 2009 ha firmato un contratto con una delle agenzie di moda più forti al mondo, la Ford, mentre nel 2012 ha pubblicato il suo primo singolo e sempre nello stesso anno ha lanciato una linea di abbigliamento. Come riporta Dagospia l’artista su Instagram dichiara: “Ho reinterpretato la parola per potenziarne il significato. Una brutta troia è sicura di sé, dolce e ottiene sempre quello che vuole. Chiunque la incontri la amerà”. Una rivisitazione della terminologia, una nuova connotazione del termine “troia”.

Quasi tre milioni di followers su twitter, 7 milioni su instagram: famosi in rete sono i suoi scatti con microbikini, pose provocanti che mettono in primo piano le curve audaci. Il suo primo libro uscirà a ottobre per la modica cifra di 25 euro. Su amazon troviamo questa didascalia: “Un’accessibile guida per essere una “Bad Bitch” che copre aspetti come l’amore, i soldi, la carriera, la moda e la bellezza enfatizzando la fiducia in se stessi e una positiva auto-accettazione”. Dalle premesse sembra una vera e propria guida per prendere in mano la propria vita e diventare una “stronza” perfetta, una donna con gli attributi. Chissà che oltre le foto provocanti della modella curvy, dopo la pubblicazione, ne potremmo apprezzare anche le doti intellettive.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fedez s’infuria coi fan: bagarre al Just Cavalli, una ragazza ferita. Il video con la sua versione dei fatti

prev
Articolo Successivo

Gasparri denuncia profilo falso su Twitter con una foto ma ‘sbuca’ la pancia: ed è subito epic fail

next