Aveva appena 20 anni Celso Santebanes, ed era famoso alle cronache per la sua ossessione: voler assomigliare a tutti i costi a Ken, il fidanzato di Barbie. La prima volta che si è sottoposto a interventi di chirurgia estetica per realizzare il suo sogno aveva appena 16 anni. “Ho sempre sognato di essere un pupazzo umano” scriveva sul suo profilo di instagram. Cinque mesi fa, circa, mentre cercava di curare delle infezioni dovute all’uso di idrogel, gli è stata diagnosticata la leucemia linfoide acuta. Il modello che amava definirsi “il Ken umano” si è spento lo scorso 4 giugno nella clinica di Uberlândia, in Brasile.

A chi lo attaccava rispondeva:“Ho sofferto a lungo per i pregiudizi, ma il mondo è pieno di persone che giudicano, perciò non m’importa più. Ora cerco la mia Barbie. Chi vuole essere la mia fidanzata? Dopo tutto nessuno è felice da solo.” 40 mila euro sono i soldi spesi per la trasformazione: interventi al naso, alla mascella, al mento e ai pettorali con protesi di silicone. Purtroppo la malattia aveva negli ultimi giorni azzerato tutto: prima di morire Celso era sulla sedia a rotelle e senza più capelli. Lo scorso gennaio aveva annunciato che qualora fosse riuscito a superare la malattia non si sarebbe più sottoposto alla chirurgia estetica in quanto sentiva di star affrontando un “nuovo ciclo nella sua vita” e la bellezza non gli interessava più”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili