Fact: You travel the same as Angelina Jolie & Brad Pitt (via Daily Mail Celebrity)

Posted by Daily Mail on Lunedì 8 giugno 2015

Accompagnati dai sei figli Maddox, 13 anni, Pax, 11, Zahara, dieci, Shiloh, di nove e sei anni i gemelli Knox e Vivienne hanno sistemato autonomamente i bagagli nelle cappelliere e si sono accomodati. Nessuna guardia del corpo a loro seguito, solo una “nanny”. La splendida famiglia ha aspettato assieme agli altri passeggeri due ore nella sala d’attesa dell’aeroporto di Charles De Gaulle, un episodio di eccezionale normalità come ha documentato il Daily Mail. Un’occasione inoltre per festeggiare i primi 40 anni della splendida Angelina Jolie nella località in cui si sono scambiati il loro “Si”.

Recentemente la bella attrice dichiarava a Elle: “Pensavo che non avrei mai avuto figli, pensavo che non mi sarei mai innamorata, pensavo che non avrei mai incontrato la persona giusta. Quando vieni da una famiglia spezzata, accetti il fatto che certe cose sono come una favola, e semplicemente non le cerchi”. A vedere dalle foto i Brangelina, ancora oggi, sono più uniti che mai. Solo qualche tempo fa, personaggi di casa nostra come la showgirl Raffaella Fico intervistata da Federica Panicucci a Mattino Cinque dichiarava: “Non vorrei che mia figlia in futuro si domandi perché deve viaggiare in seconda classe in treno mentre i figli di altri calciatori viaggiano in prima classe”. Una netta differenza tra chi vive di status symbol e chi è uno status symbol.

Fact: You travel the same as Angelina Jolie & Brad Pitt (via Daily Mail Celebrity)

Posted by Daily Mail on Lunedì 8 giugno 2015

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Katherine Chappell, muore sbranata da un leone l’editor del Trono di Spade

next
Articolo Successivo

“Scusa mamma. Sono gay”: in Russia nascono gruppi d’ascolto per aiutare i genitori ad accettare figli omosessuali

next