L’Usb protesta fuori dal centro congressi di via Cavour a Roma dove l’azienda Mediaworld incontra i sindacati per discutere della chiusura di sette punti vendita in tutta Italia. “Non c’è democrazia, serve una legge sulla rappresentanza, il sindacato di base che soprattutto nella Capitale ha parecchi iscritti è escluso dal vertice” afferma il sindacalista Francesco Iacovone. “Le multinazionali non possono sfruttare il nostro territorio e andarsene con il primo vento di crisi, sbattere per strada 906 famiglie” aggiunge. E’ questo il numero degli esuberi previsto dall’azienda su cui i sindacati dovranno contrattare. Le soluzione prospettate da Cgil, Cisl e Uil sono i contratti di solidarietà e la mobilità. “Le ricette che ci propinano, Jobs act, precarietà, non funzionano. Secondo Renzi siamo fuori dalla crisi? Ecco la prova contraria, siamo noi” affermano i lavoratori. Il timore è che Mediaworld usi lo stato di crisi per puntare su una riorganizzazione aziendale del tutto tecnologica, con punti vendita vetrina, basati su acquisti online. “Vogliono mandarci a casa e assumere nuovi giovani con il Jobs act, con il contratto a tutele crescenti, è più conveniente – temono i dipendenti anche di altre catene di distribuzione come Carrefour, Auchan, Mercatone Uno – e noi dopo anni di lavoro, giovani ma non troppo, subiamo l’ennesima umiliazione, siamo merce da scaricare” chiosano  di Irene Buscemi

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Madia contestata e Forum Pa interrotto. Lavoratori Usb: “Promise assunzioni, dove sono?”

next
Articolo Successivo

Sisal e i lavoratori pagati coi voucher: tale prodotto, tale contratto

next