In due settimane un punto percentuale in meno. E’ la performance, a meno di due settimane dal voto per le elezioni regionali, del Partito democratico, almeno secondo i sondaggi dell’Istituto Piepoli, nelle rilevazioni settimanali effettuate per l’agenzia Ansa. Suo malgrado il Pd è l’unico partito a subire una variazione nelle intenzioni di voto. In due settimane i democratici sono passati dal 38 al 37 per cento. Tutti gli altri restano invece invariati. Il Movimento Cinque Stelle si conferma seconda forza politica nel Paese, al 21 per cento. Al terzo c’è la Lega Nord (15,5), di gran lunga prima nel campo del centrodestra, visto che Forza Italia è ferma al 10. Tra i partiti più piccoli che, ad oggi, supererebbero la soglia di sbarramento dell’Italicum ci sono Fratelli d’Italia 4%), Sel (3) e Area Popolare (Ncd e Udc, al 3). Gli altri partiti – di centrosinistra, di centrodestra e “indipendenti” – tutti insieme non andrebbero oltre il 5,5 per cento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Comunali Quarto 2015, Consiglio di Stato esclude 7 liste. Fuori tutto centrosinistra

prev
Articolo Successivo

Renzi ha perso le elezioni

next