“Non riesco più a tenerlo solo per me, voglio condividerlo con voi, perché noi da sempre siamo così: SIMILI. Questo è il titolo del mio nuovo album“. Così Laura Pausini ha stupito i suoi fan di tutto il mondo, attraverso il canale social con il quale si tiene sempre in contatto con loro. E non è finita qui, perché la cantante internazionale ha aggiunto: “Ve lo dico tutto d’un fiato, a più di un anno di distanza: GIUGNO 2016#PAUSINISTADI“.

La Pausini torna quindi finalmente in Italia – “la sua terra, dal nord al centro sud” – dopo aver girato il mondo dagli Stati Uniti all’Australia, passando per la Russia, la sua adorata America Latina e ovviamente l’Europa. E dà appuntamento ai suoi fan:”Il 4 Giugno a Milano, l’11 Giugno a Roma, il 18 Giugno a Bari“. L’appuntamento era previsto con il Tg1 delle 20.00 di giovedì 14 maggio, ma la popstar non ce l’ha fatta a trattenersi e ha spiegato il titolo del nuovo progetto discografico, che uscirà in autunno: “SIMILI, perché è quello che siamo, perché esprime esattamente quello che sento quando penso a noi. Uguali e differenti, uniti dagli stessi sogni, le stesse paure, le stesse emozioni. SIMILI come le impronte digitali: uguali e diverse. In cerca di altri noi per diventare una storia”.

Attualmente la Pausini è impegnata come coach nell’edizione spagnola di The Voice e parteciperà anche come giudice nella prima edizione di La Banda, il nuovo talent di Simon Cowell: artisti solisti che possono esplodere quando si uniscono in un unico gruppo. E sulla cantante Cowell aveva dichiarato: “Sono assolutamente felice che Laura si unisca a La Banda nella giuria. È una grande star internazionale e credo che lei abbia sia l’esperienza che la passione per giudicare il talento e aiutare i fan a decidere quale sarà il prossima supergruppo Latino”.

I fan della Pausini hanno già iniziato quindi il conto alla rovescia, pur dovendo attendere più di un anno per gli stadi. Ma saranno sicuramente in molti a rispondere all’appello della cantante: “Sarà il nostro appuntamento. IO CI SARÒ. Ho creduto in un sogno, e non ho mai smesso!”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Valerio Jovine ‘Parla più forte’ perché non basta solo The Voice

prev
Articolo Successivo

‘Sol Invictus’, abbi fede: sono tornati i Faith No More

next