Secondo i dati del censimento del 2011, il 37% degli otto milioni di persone che vivono a Londra è nato fuori dal Regno UnitoTre milioni di persone, 160 Paesi, 270 lingue. Il 52% sono donne, il 47% ha tra i 20 e i 39 anni e 46% ha scelto di prendere la cittadinanza britannica. L’incremento del 14% della popolazione totale della città tra il 2001 e il 2011 (circa un milione di persone in più ) è dovuto principalmente agli emigrati.

La storia dell’immigrazione a Londra è lunga e complessa. E c’è un fazzoletto di terra a Londra che è un osservatorio perfetto per capire le sfumature dell’immigrazione nella capitale Britannica. E’ dal quartiere intorno alla stazione di Liverpool Street che passano le storie di migrazione della città. Qui vivono i rifugiati, in cerca di asilo da guerre e altri disastri. Qui lavorano gli “expat”, le élite nomadi, straniere ovunque ma di casa dappertutto. E di qui passa la nuova migrazione europea, che a volte arriva con più lauree che valigie, e spesso con un carico di aspettative e senso d’avventura.

bishopsgate

Partiamo dal rione di Spitalfields, a destra della stazione. Basta attraversare il largo viale di Bishopsgate per entrare in un microcosmo che è sempre stato primo approdo per diaspore in transito. Un dedalo di architetture meticce e in costante evoluzione, costruito dalle comunità che passando di qui hanno lasciato qualcosa al quartiere.

I primi sono stati gli esiliati Ugonotti alla fine del 1600, che hanno lasciato le case di mattoni grigi e l’arte della tessitura della seta. Alla fine del ‘700 i francesi si spostavano in quartieri più alla moda e a metà ‘800 arrivavano gli irlandesi, in fuga dalla carestia. Sono loro ad aver costruito i primi Docks che costeggiano il Tamigi nell’est della citta. Nell’Ottocento a Spitalfields sono arrivati gli ebrei dell’Europa dell’est e quelli olandesi. Hanno costruito oltre 40 sinagoghe e consolidato il primo nucleo del distretto economico di Londra.
Nel Novecento sono arrivati pachistani e poi, Brick Lane, si è popolata di bangladesi tanto che ancora oggi oltre il 60% della popolazione del distretto ha origine bangladese. Hanno rianimato i mercati del quartiere, portato stoffe e spezie e aperto le curry house, salvezza e consolazione dei pendolari britannici.  Negli anni ‘80 è stata la volta dei somali e dei tamil, ora iniziano ad arrivare piccoli gruppi dal Nord Africa.

Ogni nuovo arrivo cambia quasi istantaneamente il tessuto urbano e sociale di un quartiere che ha conosciuto tensioni ma che ha imparato, in qualche modo, ad accettare tutti.

A sinistra della stazione di Liverpool Street invece c’è Exchange Square, e da lì inizia il distretto finanziario ed economico di Londra: banche d’investimento, grandi studi legali, quartier generali di multinazionali. Grattacieli avveniristici stanno sostituendo palazzoni brutalisti e gli expat, nuovi nomadi globali sono una fiumana che va sempre di corsa, vociante di gergo incomprensibile ai non addetti ai lavori e declinato in una miriade di accenti.

Sono gli avvocati d’impresa, i direttori marketing e i banchieri arrivati da tutto il mondo. Sono quelli che hanno avuto successo – per chiaro talento o per nascita fortunata o per determinazione immane, in combinazioni varie. Sono all’apice di quel 11.8% di emigrati a Londra che lavora in una posizione manageriale. Hanno 3 passaporti in tasca e parlano 5 lingue e a Londra hanno amici di tutto il mondo ma raramente incontrano britannici. Sono gli emigrati che hanno meno nostalgia di casa e vivono la città come un grande parco giochi – work hard, play hard – perché tanto sono di passaggio. Saranno presto attirati da un competitor a Pechino o a New York a furia di B&B, bonus e benefits. E il loro stile di vita cambierà pochissimo perché le comunità expat si assomigliano tutte, a Dubai, come a Mosca.

terravisionIl terzo gruppo è quello che sta nel mezzo. Sono tutti gli altri e sono la maggior parte di quei 44mila giovani italiani arrivati nel 2014. E’ la nuova migrazione europea che viene a Londra a studiare, inseguire ambizioni e a reinventarsi e che ha contribuito per oltre 20 miliardi di sterline all’economia britannica tra il 2000 e il 2011.

Arrivano in un flusso costante e sempre più evidente, col treno diretto dall’aeroporto o con gli autobus consorziati con le compagnie aeree low cost, che si fermano proprio su Bishopsgate.

Hanno progetti e idee o semplicemente cercano un’alternativa all’immobilismo che hanno visto, in sfumature diverse, nei loro Paesi d’origine. Sono i ricercatori e gli infermieri, gli idraulici e i designer. Qualcuno creerà start up di successo, qualcun altro conoscerà solitudine e lavori senza sbocco.  Le loro storie sono quelle che leggiamo spesso sui giornali italiani e che adesso Movement Against Xenophobia racconta ai Londinesi. Da qualche settimana infatti la città ha iniziato ad animarsi dei volti e delle storie delle nuove migrazioni. “I Am an Immigrant” rivendicano orgogliosamente musicisti, giornaliste, vigili del fuoco e farmaciste dai poster alle fermate della metropolitana e per le strade. Perché anche nel caos creativo e cosmopolita di Londra ci sono incomprensioni da chiarire, e pregiudizi da sfatare e, a volte, xenofobia da combattere.

imanimmigrant

Negli ultimi 15 anni il quartiere intorno alla stazione di Liverpool Street è stato protagonista di uno dei più intensi e radicali programmi di rigenerazione urbana, promossa dal comune e finanziata in buona parte da investitori privati. I critici vedono il risultato come bieca gentrificazione che sta snaturando il distretto e costringendo i residenti a spostarsi in zone meno “trendy”. I promotori parlano di modernizzazione e di sviluppo economico locale a beneficio di tutti quelli che nel quartiere vivono, lavorano e investono.

E in effetti, la linea divisoria di Bishopgate sta diventando un confine sempre più poroso. Alla stazione di Liverpool Street si incrociano ogni mattina il banchiere cresciuto a Banglatown ma pendolare da Kensington, e la dottoressa irlandese che ha ristrutturato con cura una delle case costruite dagli Ugonotti. E per strada ci sono gli sviluppatori di software italiani, gli architetti ungheresi, i cuochi greci che magari condividono un appartamento a Brick Lane. Qualcuno di loro diventerà expat sempre in transito, altri vorranno tornare a casa appena possibile. Tanti forse metteranno radici e costruiranno qualcosa da lasciare in regalo alla città, che non li ha respinti.

 

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cina, nasce a Dongguan la prima fabbrica senza operai: “Sostituiti da 1.000 robot”

next
Articolo Successivo

Elezioni Regno Unito, le ‘dame rosse’ in corsa: la Merkel della Scozia, l’indipendentista gallese e la verde anti-monarchica

next