Una ciotola di cereali per omaggiare un fan che non c’è più. È il gesto che Ryan Gosling, attore di pellicole come Drive e Only God Forgives ha dedicato a Ryan McHenry, scomparso a 27 anni per un cancro alle ossa.

Ryan McHenry era un filmmaker scozzese, autore nel 2013 di un meme divenuto virale in cui Ryan Gosling sembrava rifiutare in varie sequenze dei suoi film un cucchiaino di cereali offertogli dal ragazzo. Il video aveva sin da subito ottenuto molte visualizzazioni, dando vita a una serie di clip Vine titolati “Ryan Gosling Won’t Eat His Cereal” (“Ryan Gosling non vuole mangiare i suoi cereali”). L’attore è in primo piano, protagonista di scene intense di suoi film, con un’espressione drammatica, e la mano di McHenry entra nello schermo offrendogli un cucchiaio di cereali, rifiutati con una smorfia disgustata o un gesto della mano che fa cadere tutto.

 

 

Ryan Gosling non ha ignorato i Vine che lo vedevano protagonista e, un po’ infastidito, l’11 aprile scorso nel corso di una chat con i fan aveva risposto ironicamente via Twitter a McHenry con un “Io amo i cereali“. “Mi dispiace davvero di aver realizzato quel meme – aveva scritto il ragazzo –, mi perdonerai mai?” La star aveva risposto con un secco ironico “No”. Anche in occasione del debutto alla regia con Lost River, la Bbc aveva intervistato l’attore sulla questione dei cereali.

 Negli scorsi giorni Ryan McHenry è morto all’età di 27 anni a seguito di un aggravamento nella malattia e Ryan Gosling ha postato su Twitter un messaggio di condoglianze: “Il mio cuore è con la famiglia e gli amici di Ryan McHenry. Mi sento fortunato ad aver fatto parte della sua vita in qualche modo”. Contestualmente, l’attore ha reso omaggio al creatore del meme postando un video su Vine in cui finalmente mangia una ciotola di cereali.  

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Anna Ciriani, la porno prof ripubblica le sue foto hot per la Fiera erotica del Salento. Lei: “Sono vittima di un hacker”

next
Articolo Successivo

Gabriel Garko rifatto, Melania Rizzoli a Dagospia: “Del volto armonico e maschio non c’è più traccia”

next