“Siete pronti per questo corpo da spiaggia?” la modella plus size Ashley Graham, la prima a posare per Sport Illustrated Swimsuit, scegli i social per ribattere allo spot di Protein World che vedeva protagonista una modella magra con un bikini giallo e lo slogan era: “Il vostro corpo è pronto per la spiaggia?”. Nel suo instagram scrive: “Non c’è motivo per nascondere e tutte le ragioni per mostrare” rivendicando la libertà di non seguire modelli femminili stereotipati. Con l’hashtag #curvesinbikinis sono centinaia le donne che seguendo l’esempio della modella stanno postando le loro foto in costume da bagno.

Non è la prima volta che Ashley partecipa a campagne contro la discriminazione corporea: recentemente ha posato in lingerie per la foto “I’m no angel” contro gli angeli troppo magri del brand Victoria’s Secret. Con l’hashtag #eachbodyready (ogni corpo è pronto) troviamo centinaia di donne che si sono fotografate in bikini contro la pubblicità di Protein World, la quale è stata considerata sessista tanto da raccogliere oltre 70 mila firme su Change.org per la rimozione della stessa. Petizione accolta dall’ASA (Advertising Standards Authority, autorità inglese che vigila sugli standard delle pubblicità) il quale l’ha trovata non conforme alle regole sociali e “irresponsabile”.

Una lotta continua che vede protagonista il corpo delle donne: da una parte la rappresentazione mediatica di corpi sempre perfetti, dall’altra l’urlo delle donne comuni nel rivendicare la propria autenticità. Sotto la foto della modella americana plus size tanti commenti da chi la ringrazia per rivendicare un corpo burroso a chi la insulta perché “grassa” e non in salute. Con la sua taglia 50 Ashley Graham è una delle modelle plus size più famose al mondo e con un curriculum degno di una qualsiasi top model. “Certo che qualcuno mi definisce grassa e mi chiede dove sia la mia cellulite nelle foto, io quando leggo questi commenti ci rido su” ha dichiarato a Vogue Uk la giunonica modella. Mentre le persone criticano, intanto, la sua carriera è sempre più in ascesa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gabriel Garko rifatto, Melania Rizzoli a Dagospia: “Del volto armonico e maschio non c’è più traccia”

prev
Articolo Successivo

Kim Kardashian pubblica il suo libro di ‘Selfie’, le foto della presentazione a New York

next