Quod amor coniunxit non separet lex“, ovvero “La legge non separi quello che l’amore ha unito”. È il titolo della performance che l’artista Nicola Mette ha inscenato l’11 aprile sotto i grattacieli di Porta Nuova a Milano, con il patrocinio di Amnesty International Lombardia. Un corteo di spose e sposi per  porre l’attenzione sul mancato riconoscimento dei diritti dei cittadini, lesbiche, gay, bisessuali, transessuali o intersessuali. L’artista, indossando un abito bianco da sposa, si è unito in matrimonio simbolicamente con 14 persone di diversa etnia e sessualità, mescolando riferimenti all’unione sia civile che religiosa.

Non è la prima volta che l’aritista si dedica alla lotta per il riconoscimento dei diritti. Anche nel 2012 portò uomini vestiti da sposa e donne con abiti da cerimonia maschile in Vaticano. La sua azione, “Liberté-egalité-sexualité“, venne interrotta sia dalla Santa Sede che da piazza Montecitorio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Hillary Clinton, la figlia Chelsea:”Avere un presidente donna è importante”. E Obama: “Sarà eccellente”

prev
Articolo Successivo

Gwyneth Paltrow, la sua spesa settimanale? Spenderà 29 dollari

next