Carissimi lettori,

Rimango ogni giorno senza fiato nel vedere che la maggior parte dei cittadini non riesce ad arrivare a fine mese, e se anche i governi da molti anni tentano di illuderci che si intravede la luce infondo al tunnel, osservando la realtà non pare sia come ci vogliono far crede. Personalmente credo che non bisogna mai perdere la speranza ma sempre cercare di reagire e restare uniti per poter superare le difficoltà, ma credo che per risollevare l’economia reale di un Paese non bastino solo né grandi annunci né slide, ma provvedimenti reali immediati come per esempio creare un fondo economico dove le famiglie in difficoltà possono attingere, visto che non credo sia corretto affidare l’emergenza solo al volontariato, tra l’altro attualmente anche il volontariato è in grosse difficoltà.

Il Nord Italia è sempre stato considerato il motore trainante del Paese ma non è più così purtroppo, nei giorni scorsi delle persone per poter mangiare sono state costrette a rubare e sempre più spesso durante i giorni di mercato c’è chiede sia del cibo che aiuto economico.

Molte volte se anche le famiglie ci mettono tutta la volontà nel superare le difficoltà, mantenendo magari il figlio disoccupato anche se pensionati, la situazione diventa difficile se non addirittura insostenibile.

Ritengo che il problema di questa condizione non sia da imputare in nessun modo alle persone che appartengono ad una cultura o ad un Paese differente dal nostro, ma proprio per una politica economica e dell’accoglienza totalmente sbagliata.

L’Istat proprio ieri evidenziava che nonostante l’entrata in vigore di alcuni provvedimenti fiscali è aumentata la disoccupazione giovanile e anche gli inattivi , per tanto se ci sarà una rapida svolta l’Italia non vedrà la luce infondo al tunnel ma resterà nel buio sempre più profondo.

Per segnalare la vostra storia scrivete a: raccontalatuastoria@lucafaccio.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Esorcismo, al via un corso aperto anche ai laici : “Ecco come riconoscere il demonio”

prev
Articolo Successivo

Germanwings: il disagio psichico è ancora un tabù

next