Le provocazioni di Atene, che la settimana scorsa ha avviato le procedure per chiedere alla Germania la riparazione dei danni di guerra, qualche effetto hanno iniziato a sortirlo. Anche se per ora su piccola scala. Il quotidiano inglese Guardian riporta infatti che una coppia di turisti tedeschi in visita nella città portuale di Nauplia ha firmato un assegno da 875 euro e l’ha consegnato nelle mani del sindaco Dimitris Kotsouros. Spiegando che era loro intenzione “rimediare ai modi del loro governo”, che ritiene irricevibili le richieste del governo di Alexis Tsipras e sostiene di aver abbondantemente pagato il debito economico e morale legato alle devastazioni dell’occupazione nazista.

Ludwig Zacaro e Nina Lahge, questo il nome dei due turisti, sostengono di aver calcolato la cifra sulla base dei calcoli fatti da una commissione incaricata dall’ex primo ministro Antonis Samaras, che ha stimato in 162 miliardi di dollari l’ammontare ancora dovuto da Berlino. La somma a dire il vero sarebbe pro capite, ma i due – lui pensionato, lei impiegata part-time – hanno fatto sapere di non potersi permettere due “quote” intere. Anche la scelta di Nauplia è stata tutt’altro che casuale: nel diciannovesimo secolo era la capitale del Paese. L’assegno, ha poi precisato il sindaco, è stato girato a una onlus locale.

Il gesto dei connazionali di Angela Merkel resta per ora isolato, ma in Germania in questi giorni non mancano le voci autorevoli che ritengono ben motivate le rivendicazioni di Tsipras. Alcuni esponenti della Spd e dei Verdi sostengono che la Cancelliera dovrebbe valutare seriamente l’opportunità di pagare. Non è escluso che Tsipras metta sul tavolo anche questo dossier quando, lunedì prossimo, sarà in visita ufficiale a Berlino per discutere della situazione finanziaria del Paese, in piena crisi di liquidità.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banche, abbuffata delle italiane: dalla Bce di Draghi arrivano altri 32 miliardi

next
Articolo Successivo

Duferco, Antonio Gozzi: “Non abbiamo corrotto nessuno, fregati come bambini”

next