Improvviso cambio ai vertici de ilVelino, agenzia di stampa romana. Tullio Camiglieri ha lasciato la direzione editoriale. Appena dopo un anno dalla nomina, l’ex direttore della comunicazione e delle relazioni istituzionali di Sky Italia ed ex giornalista Mediaset, ha risolto il suo rapporto di lavoro con l’editore Luca Simoni. Dalla scorsa settimana, Camiglieri, partner della Open Gate Italia, società specializzata in public affairs, ha assunto l’incarico di responsabile delle relazioni istituzionali della Acciai Speciali Terni (Ast), società controllata dalla ThyssenKrupp, proprietaria del famoso impianto di Terni.

L’agenzia ilVelino, fondato una ventina di anni fa dai giornalisti Roberto Chiodi, Stefano De Andreis e Lino Jannuzzi, cui si deve anche il nome, è alla prese, come le altre agenzie, con le conseguenze economiche e occupazionali legate alla crisi del settore. Al posto di Camiglieri, come nuovo direttore editoriale, Simoni ha chiamato Paolo Pollichieni, ex direttore dell’Ora della Calabria, che dovrebbe incontrare la redazione la prossima settimana

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Taglio dei vitalizi dei condannati, riunione flop alla Camera dei deputati

prev
Articolo Successivo

Regioni, proposte sepolte in Parlamento: dai casinò in Sicilia a ‘zona franca’ sarda

next